lunedì, ottobre 20, 2014

 

Iraq: ACN helps kids go back to school

By Aid to the Church in Need
John Pontifex 


Rania and Ranin are inseparable. The twins, who have just turned 10, both enjoy school or at least they did until they were forced to flee their homes as Islamic State forces advanced. We met Rania and Ranin and their mother Thirka, in Ankawa, outside the Kurdish capital, Erbil, where they are sharing a tent with other families in the compound of St Joseph’s Chaldean Church. It was early October when we saw them and Thirka was anxious about the start of the school year, which the twins and their brother, Habib, a year older, had already missed.
It is for children such as Ranin, Rania and Habib that the Catholic charity Aid to the Church in Need (ACN) has committed €2 million for schooling projects. Under the scheme, eight schools will be built: four in Ankawa and another four in the Dohuk province in the far north of Kurdish northern Iraq.
On our very first day in northern Iraq, Chaldean Archbishop Bashar Warda of Erbil proudly took us to see the new porta-cabin Mar Yamana School (St. Mary’s School) being developed in Ankawa. The school will provide for 900 children, classes divided into morning and afternoon rotations of 450 each, and next door a clinic is being created, run by the Ankawa-based Holy Cross Sisters so any medical needs they have can quickly be dealt with. With 120,000 Christians now descended on Kurdistan, there are teachers and others in the education profession among their number willing and able to join the staff, their salaries met by the government.
Greeted with news of the schools, Rania and Ranin’s mother is immediately enthusiastic. “Thank you for offering your kind support,” she says. Thirka, who dresses in black, continues to grieve her husband, a policeman in Qaraqosh, killed five years ago attending the scene of a bomb blast. “I was just beginning to cope with life without my husband,” says Thirka, “but being forced to leave our homes has made life impossible. “To have no school for the children to go to is a disaster. If they are to have any hope for the future, school is an absolute necessity.”
Recently ACN announced 12 urgent aid packages for Iraq to help the thousands of displaced Iraqi Christians. They are to receive food, shelter, schooling and gifts for children in a concerted emergency relief programme rushed through by the Catholic charity before the onset of winter. The 4 million Euros scheme announced by ACN – one of the largest in the charity’s 67-year history – also includes pastoral support for priests and Sisters displaced by the crisis that has swept the country.

Leggi tutto!
 

Nowhere to Lay Their Heads: Christians in Iraq Face Uncertain Future

By Aleteia
John Burger, October 19, 2014

Tens of thousands of refugees in northern Iraq are facing a winter living in tents or unfinished concrete buildings.

Humanitarian aid organizations, local governments and NGOs are doing what they can to keep internally displaced persons warm, healthy and well-fed, but the task is huge, and some people on the ground say a humanitarian crisis looms
.“It’s very dire. It’s not going to improve very soon. Conditions are deteriorating. People are in desperate need for help, and the government of Iraq has not helped in any way,” said Joseph T. Kassab, founder and president of the US-based Iraqi Christians Advocacy and Empowerment Institute. “Winter is really fierce in Iraq. Lot of people living in shelters or in the open.”
Kassab, whose brother is Bishop Jibrael Kassab of the Chaldean Church in Australia and New Zealand, was himself a refugee from Iraq in 1980.
It is estimated that there are 120,000 Christian refugees in the Iraqi Kurdish capital of Erbil, living in schools, churches, monasteries and parks after they were forced from their homes in Mosul and other cities of the Nineveh Plain over the summer by forces of the Islamic State group.
Natalia Prokopchuk, spokeswoman in Iraq for the Office of the United Nations High Commissioner for Refugees, described several projects the UNHCR is working on to help internally displaced persons get through the winter, including the distribution of blankets and kerosene stoves. "We are also working to winterize tents where people are living, providing insulation to protect them from rain and snow and put insulation on the floors,” she said.
But limited resources permit the agency to help only half of the IDPs. Also assisting, whether by building shelters or providing medical care or funding are several Catholic agencies: Aid to the Church in Need, Caritas, Catholic Near East Welfare Association, the Knights of Columbus, and Malteser International—as well as Iraqi-American organizations such as the Iraqi Christian Relief Council. Juliana Taimoorazy, the Relief Council's founder and president, said her organization is appealing to American companies to donate much needed pharmaceuticals and hygiene products for IDPs.
Because of a shortage of medicines, somepeople are dying of heart disease and diabetes, saidTaimoorazy, an Assyrian Christian who found asylum in the West in the 1980s.
Malteser International, the Order of Malta's relief agency, is setting up a primary health center in one of two UNHCR camps being built between Dohuk and Zakho, in the north of the region, where winter temperatures can drop to 5 degrees. "I was in Dohuk the other day and saw families living in buildings that are still under construction, without walls," said Malteser's emergency coordinator, Leigh Ryan, who just returned from two months in the region. 
However the IDPs survive the winter, though, a question still remains in the minds of many refugees and those assisting them: “Do Christians have a future in Iraq?”
“They are really traumatized. I never experienced a people so depressed,” said Father Andrzej Halemba, head of the Asia-Africa Department for Aid to the Church in Need, who visited Erbil recently. “They say, ‘There’s no future for Christians here. This is the end. We are not going to survive.’”
Aid to the Church in Need is building a village for some 4,000 refugees to shelter for the winter and supporting the construction of eight schools in Erbil and Dohuk.
Even if the international coalition led by the United States defeats the Islamic State group, Christian refugees say they are reluctant to go back to the homes they fled, according to Father Halemba and others interviewed for this article. Christians, whose numbers have been steadily decreasing over the past 30 years, feel betrayed by the central government in Baghdad, by the Kurdish peshmerga militia, which failed to protect their towns from the Islamic State’s onslaught, in spite of their assurances to the Christian residents, and by their former neighbors, who in many cases stole the property they had abandoned.
“In many cases, they were the first to go to their properties and steal from them,” said Father Halemba. “Now they have only one thought—to go away: ‘We’re not going back. If we were betrayed three times, how can we trust? How can we build a future?’”
International religious freedom activist Nina Shea agreed that Christians in Iraq feel vulnerable. Commenting last week on the kidnapping and subsequent release of a Franciscan priest in Syria, she said, “Lay Christians have been kidnapped by the thousands, both in Iraq and Syria because they don’t have any protection—neither militias nor tribal networks nor the protection of their governments or any foreign power. So there are only positive consequences for kidnapping Christians—taking ransom money if they can get it.”
Shea, director of the Hudson Institute’s Center for Religious Freedom and a former member of the U.S. Commisssion on International Religious Freedom, said that the Nineveh Plain in northern Iraq, which has been home to Christians for almost 2000 years, is “effectively religiously cleansed for years to come. I don’t see how Christians can return without protection, and there is no protection for them. They will leave for another country. The international Church really needs to be serious about a resettlement plan for them, whether it’s somewhere in the region or somewhere in the West, because they cannot return home.”
Father Halemba reports that 10 or so Christian families are emigrating from Iraq daily—a small number, perhaps, but not so small when seen in the light of a drastic reduction from some 1.5 million Christians in Iraq in 2003 to about 400,000 today.
A meeting of cardinals at the Vatican on Oct. 20 will include a discussion of the situation facing Christians in the Middle East.
Kassab noted that the the Church in the Middle East is “calling for our people to stay, and we agree. But how?” He would like to see more visas available in Western countries for refugees, especially those who want to reunite with their families in the diaspora.
Said Shea, “We’re at the point where we need to make a decision of whether we want to put a massive aid effort into Kurdistan for them to weather the winter, or to put the resources instead into resettling them in a third country."

John Burger is news editor for Aleteia's English edition.

Leggi tutto!
 

Winter is coming – the other terror stalking Iraqi Kurds


The heroic Kurdish resistance in Kobane rightly commands headlines. A larger disaster, however, looms in Iraqi Kurdistan where – absent urgent action by the UN and Iraq – thousands of vulnerable people who fled from the Islamic State (Isis) could die in weeks from cold-related illnesses.
It was comfortably warm in the Kurdish capital of Erbil last week, but in December temperatures will drop to below zero in the cities and much lower in the mountains. The warmth made the makeshift camp I visited in the Christian enclave of Ankawa look almost bearable. It occupies a public park and houses 50 families, mainly Christians from Mosul, in increasingly threadbare tents. Soon, torrential rain can be expected to turn the hard ground here into a muddy lake, soaking everything and reducing hygiene. The cold will exacerbate this but there are few heavy blankets around – one per family, in another sprawling camp outside Erbil.
Kurdistan is home to roughly 250,000 Syrian refugees, with more now coming from Kobane, and roughly 800,000 internally displaced people from Arab Iraq. Most arrived after the fall of Mosul in June with only the clothes on their backs. The current pace of camp-building means that about 170,000 people will lack shelter when winter calls.
Shelter, food, sanitation and health fall to three forces: the international community – donor countries, NGOs and the UN; the federal government in Baghdad; and the regional government in Erbil.
The UN is held in cold contempt here, as clunky, flat-footed and abominably led. That’s how polite observers put it, anyway. The UN official in charge of humanitarian affairs has just left and will not be replaced for a fortnight. I hear of unwieldy meetings in Erbil where 40 representatives of UN agencies – some of no relevance – all have their say in seeking consensus, when the priority should be making decisions.
Baghdad is present through Skype, but contributes little. Iraq is nominally a rich nation, although there is talk of an unexplained deficit of many billions. I understand that Iraqi Arabs in Kurdistan have not received ration entitlements.
Iraqi Prime Minister Haider al Abadi has his work cut out. He must overcome the poisonous legacy of his predecessor, defend Baghdad, reconstruct the pathetic shell of the Iraq Army, and reach out to Sunnis who preferred Isis to the federal government.
Kurdistan has itself not yet received its budget entitlements from Baghdad and employees on the public payroll – most workers – have not been paid for months. Investment projects are stalled and the economy is tanking. The dramatic fall in oil prices will wreck Iraqi budgets.
Foreign workers are thin on the ground, business class seats on my flights were mostly vacant and hotels and bars are emptier than normal. The usually active cranes are still, but one accidental benefit is that empty construction sites could be requisitioned as safe and temporary accommodation.
The Archbishop of Erbil told me of Christian fund-raising from as far afield as Detroit to supply caravans for families, which can be fabricated locally. Money is best, rather than goods that can be bought locally without huge transport costs and delays.
It is likely that these temporary camps will last many years, until Isis is defeated and there is a settlement in Syria, without Bashar Assad. The well equipped Isis army, bigger than Kuwait’s, is outwardly medieval but combines the sophisticated use of the social media and spectacle to scare, as well as a lethal combination of Kamikaze and Blitzkrieg to maintain momentum. The Kurds need heavy weapons to defend themselves and a deal with Baghdad to go on the offensive against Isis.
Arab Iraqis cannot return until hundreds of battle-damaged and dangerous villages are made safe. After slaughtering anyone left, Isis retreats, having seeded nests of booby traps that, even if the expertise were to hand, take ages to destroy.
The danger of old people and babies dropping like flies in the camps seems distant but will come suddenly. The UN and Iraq need to get a grip, work with the Kurds, and help those who have already lost everything and now face needless death in the Kurdish winter.

Gary Kent was recently in the Kurdistan Region for the 17th time since 2006 as a director of the European Technology and Training Centre in Erbil. He is also the Director of the All-Party Parliamentary group on the
Kurdistan Region.
He writes in a personal capacity.

Leggi tutto!
 

Concistoro Medio Oriente: P. Lombardi, nessun "imminente" viaggio del papa in Iraq

By SIR

“Quello dei viaggi del Papa è un tema sempre evocato, ma non c’è nulla di preciso, e certamente nulla di imminente, che riguarda la presenza di Papa Francesco in Medio Oriente”. 
Con queste parole padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede, durante il briefing di oggi relativo al Concistoro sul Medio Oriente, ha risposto alla domanda di un giornalista in merito a un possibile viaggio del Papa in Iraq.

Leggi tutto!
 

A Erbil una casa per ricominciare a chi è fuggito dagli orrori dell'Is

Luca Geronico

L'altoparlante, come d’incanto, rompe il fruscio sordo del campo e riesce a scuotere dall’apatia ormai cronica, persino gli adulti. I bambini, abituatisi dopo pochi incontri all’appuntamento di metà pomeriggio, sono già schierati in attesa delle prime note delle melodie tradizionali. Un suono – nostalgia di casa e normalità – che con un MP3, piccolo prodigio della tecnologia, si riesce a riprodurre anche lì, fra i profughi ad Ankawa, il sobborgo cristiano di Erbil. In quello che doveva essere un centro commerciale, l’Ankawa Mall, hanno trovato riparo 250 famiglie, circa 2mila profughi di Qaraqosh e Bartalla, sistemati in micro-camerette con le pareti in lamierino fissate al nudo cemento. È li che Focsiv e Avvenire hanno deciso di avviare il progetto «Emergenza Kurdistan: non lasciamoli soli» con un intervento iniziale stimato per 104mila euro. L’animazione dei ragazzi è il primo passo, quello che gli esperti di primo soccorso umanitario definiscono “Child protection”: da lì può partire una serie di interventi mirati secondo la filosofia Focsiv di completare con l’«elemento mancante» a quello che è il sostegno di base di Unicef e Acnur.
Si tratta di fornire pentole e posate a chi ha solo un fornelletto; il sale per cuocere a chi riceve un pacco di riso alla settimana; coperte a chi ha solo un materassino; kit igienico sanitari in particolare per donne con neonati; istruzione, a chi ha solo tempo da perdere. Tutti passi successivi con richieste motivate e documentate. Intanto sono già quattordici, tutti ragazzi tra i 18 e i 22 anni, i giovani del “Focsiv team”, reclutati da padre Jalal Jako pure lui sfollato: prima erano studenti o neo-diplomati di Qaraqosh e Bartalla. Prima che lo Stato islamico strappasse via tutto, comprese scuole, giochi e i sorrisi dei più piccoli anche a Qaraqosh e Bartalla, 50mila cristiani da secoli insediati nella Piana di Ninive. Prima del 6 agosto, la notte della ritirata dei peshmerga e l’arrivo dei miliziani dello Stato islamico. Il “dopo”, per i rifugiati ad Ankawa Mall, sono stati due mesi senza tempo: solo attesa di un ritorno impossibile, solo speranza un aiuto improbabile.
Per questo quella musica che da inizio settembre, nei giorni stabiliti, risuona ad Ankawa Mall, nel salone della chiesa Assira di San Giovanni e in altri cinque punti che raccolgono in tutto 1.300 bambini, significa ricominciare. Risuona, ritmata e un poco ossessiva, la melodia, mentre i bambini, come in una danza, ripetono passi, flessioni e gesti della «mosika sha’bia» (la musica popolare) già imparati nelle piazze di quella che era la loro terra. Basta quel suono ad avvicinare anche adulti. Una scintilla per far nascere ricordi e incontri: «Come quella insegnante, madre di tre figli, che frequentava un corso di specializzazione per leggere i caratteri cuneiformi del codice di Hammurabi», ricorda Terry Dutto, il responsabile del progetto Focsiv in Iraq. Vite prima intense, ora quasi cancellate e messe all’angolo: ma le tre figlie sono a danzare, anche per dimenticare la sola stanzetta in cui convivono, in più di una decina, con un’altra famiglia. Qualcuno, quasi di nascosto dagli altri, ferma padre Jalal: richieste d’aiuto, un vergognoso dolore da confidare, l’atroce speranza di poter un giorno tornare. «Spesso il silenzio o gli occhi inumiditi chiudono quelle poche battute», confida Dutto. Come è dura provare a ricominciare. Intanto padre Jalal ha già iniziato la sua breve lezione: una storiella tratta dalla Bibbia, un canto, un po’ di letteratura. Poi i ragazzi divisi per classi di età iniziano i lavori di gruppo: negli ultimi giorni è spuntata pure una lavagna assieme a quaderni e pastelli colorati.
Un disegno, per dimenticare quegli stanzoni in cui si vive ammassati, o le tende che prima dell’inverno tutti sperano di aver abbandonato almeno per un tetto in lamierino. Peggio di tutti stanno quelli che per due mesi hanno pagato, a prezzi di guerra, un appartamento in affitto dando fondo ai risparmi di una vita. Ora, sul lastrico e ultimi arrivati, sono ai margini persino della comunità dei senza terra. Ma i racconti che giungono ancora da chi è rimasto nella Piana di Ninive danno ragione al dolore della fuga: «Una solo reazione ai soprusi e sono brutalmente eliminati», raccontano. Per questo, quando ormai è sera, la danza finale è una liberazione per tutti. Anche i grandi iniziano a ballare fra i serpentoni dei bambini. Un canto a cui ha voluto unirsi mercoledì pure il segretario della Cei, monsignor Nunzio Galantino: «Anche voi genitori, avanti: ballate tutti insieme», ha urlato nel microfono. Solo le tante mamme con bimbi neonati in braccio restano a guardare. Giovedì sono però iniziate le piogge: in tanti, tremanti con le magliette a maniche corte, hanno chiesto un maglione a padre Jalal. Abuna non ha risposto: da Qaraqosh lui è arrivato a piedi con solo due camicie.

Leggi tutto!
 

Iraq, futuro solo nel dialogo

Elisa Storace

«La situazione sta peggiorando perché fra poco arriverà l’inverno, che nella zona di Erbil è molto duro, e in Iraq abbiamo migliaia di profughi fuori dalle loro case, alloggiati in sistemazioni di emergenza, migliaia di famiglie per le quali noi come Chiesa stiamo provvedendo come possiamo, ma alle quali oggi non siamo assolutamente in grado di dire quando o se potranno riavere la loro vita di prima: una situazione veramente drammatica».
A parlare così è Louis Raphaël I Sako, patriarca cattolico iracheno di Babilonia dei Caldei, a Roma per il Sinodo e a cui Roma Sette ha chiesto un commento sulla situazione dei cristiani in Iraq. «La presenza dei cristiani nei Paesi arabi – spiega ancora -, la loro stessa esistenza, oggi è minacciata: l’altro ieri ho celebrato una Messa ad Amman, capitale della Giordania, e mi hanno riferito che solo nell’ultima settimana cinquemila persone sono arrivate dall’Iraq, un esodo di gente spaventata che va avanti da mesi e che vede ogni giorno nuovi arrivi».
«Sinceramente – aggiunge con preoccupazione – noi non capiamo dove va l’islam perché quello che vediamo oggi è un islam violento che cancella l’altro, che vuole convertire la gente con la forza, ma che, così facendo, rischia davvero di autodistruggersi: la “jihad,” la guerra nel nome di Dio, è un pericolo che rischia di sconvolgere irreparabilmente la società araba».
Su quali siano le possibili soluzioni il patiarca esprime con chiarezza una posizione molto ferma, che coinvolge sia il fronte interno che le responsabilità dei Paesi occidentali: «Ieri – dice – ho incontrato il re di Giordania, Abd Allah II, il quale, come tutti gli altri capi di Stato arabi, è cosciente che questo islam estremista non rappresenta tutti i musulmani, ma sa anche che il suo regno, come gli altri della regione, ha enormi problemi di sicurezza e soffre della tensione fra sunniti e sciiti, perciò teme di prendere una posizione che possa accendere reazioni violente».
Sul fronte interno, osserva il patriarca, «toccherebbe ai capi religiosi islamici la responsabilità di dire che questi attacchi contro degli innocenti non sono accettabili, condannando ufficialmente le violenze con una “fatwa”, ma sul piano politico, accanto a un lavoro comune di tutti i Paesi arabi a partire dalla presa di coscienza che l’estremismo è un pericolo anche per gli stessi musulmani, è assolutamente necessario un intervento internazionale».
Ricordando la grande fuga dei cristiani da Mosul di quest’estate – «in una sola notte 120mila persone hanno lasciato le loro case senza niente, senza soldi, camminando per ore prima di trovare rifugio, dopo aver visto le proprie case saccheggiate» – e paventando che le violenze possano arrivare fino a Baghdad, Sua Beatitudine insiste sull’urgenza di un’azione delle potenze occidentali, le quali non sono scevre di responsabilità riguardo questa situazione.
«Se si guarda al Libano – fa notare il Patriarca -, un Paese dove da molti anni convivono pacificamente cristiani, ebrei e musulmani, è facile rendersi conto che la differenza maggiore con gli altri Paesi arabi è l’assenza di risorse naturali che possano indurre qualcuno da fuori ad alimentare le divisioni interne per meglio sfruttarle». Il conflitto che oggi in Iraq vede vittime i cristiani e le altre minoranze, prosegue, «fa parte di questa strategia economica di controllo come tutti quelli che da anni affliggono le nostre regioni, e io penso che anche Isis ne faccia parte come qualcosa che è sfuggito di mano. Ora fermarli dovrebbe essere responsabilità sentita soprattutto da chi l’ha armato».
Interesse di tutti è, secondo il patriarca iracheno, che i cristiani «costruttori di ponti, portatori di pace» rimangano nelle terre dove abitano da sempre, partecipando al progresso della società araba: «Se noi possiamo avere un futuro, questo è possibile solo dialogando con tutti e chiedendo con coraggio i nostri diritti come cittadini, sollecitando la separazione della religione dallo Stato, nella convivenza, finalmente pacifica, di tutte le fedi».

Leggi tutto!
 

Roma: il 23 ottobre veglia missionaria a San Giovanni in Laterano

By SIR

Giovedì 23 ottobre alle 20.30 nella basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma, si svolgerà una veglia di preghiera presieduta dal cardinale vicario Agostino Vallini. Tema della veglia missionaria diocesana è una frase tratta dall’Evangelii Gaudium, “Io sono una missione su questa terra”.
“Un passaggio dell’esortazione apostolica di Papa Francesco che mette in evidenza che se non vogliamo avviare un sistema di autodistruzione dobbiamo riappropriarci della missione che è parte della nostra vita. Questo è il motivo per il quale noi siamo nel mondo”, spiega don Michele Caiafa, addetto del Centro diocesano per la cooperazione missionaria e organizzatore dell’evento. Ad aprire la veglia sarà la testimonianza di don Gaspare Margottini, missionario fidei donum in Perù dal 1984. Seguiranno gli interventi di Ignace Youssef, patriarca della Chiesa cattolica siro-antiochena, e di Louis Raphael I Sako, patriarca della Chiesa cattolica caldea. Alla fine della veglia il card. Agostino Vallini consegnerà il mandato ai missionari in partenza. “Le periferie del mondo - dice don Caiafa - sono meta per quanti si preparano a trasmettere un messaggio di salvezza ma sono anche teatro di persecuzioni”. L’auspico “è che cresca sempre di più il senso di fraterna responsabilità nei confronti di coloro che nel mondo soffrono l’esperienza della guerra e della persecuzione a causa del Vangelo”.

Leggi tutto!
 

L'Arcivescovo Lahham: i 4mila profughi cristiani iracheni vogliono tutti emigrare in Occidente

By Fides

Sono già tremila i profughi cristiani iracheni fuggiti per l'offensiva dei jihadisti da Mosul e dalla Piana di Ninive che hanno trovato rifugio in Giordania, e nei prossimi giorni è annunciato l'arrivo di altri mille.
Lo conferma all'Agenzia Fides, l'Arcivescovo Maroun Lahham, Vicario patriarcale per la Giordania del Patriarcato latino di Gerusalemme. La gran parte dei profughi cristiani – in larga maggioranza cattolici – sono distribuiti in 10 parrocchie latine, greco-cattoliche, siro cattoliche e armene. Per 2mila di loro l'assistenza è garantita direttamente da Caritas Giordania, mentre gli altri vengono sostenuti da una rete di associazioni umanitarie e di volontariato con profilo sia locale che internazionale.
Oltre a chiedere aiuto per le esigenze primarie di sopravvivenza, le famiglie dei profughi cercano anche di ottenere l'inserimento dei propri figli nelle scuole, mentre gli studenti universitari chiedono di poter seguire i corsi e sostenere gli esami presso gli Atenei del Regno Hascemita.
“Due tratti - riferisce a Fides l'Arcivescovo Lahham - accomunano la stragrande maggioranza dei profughi cristiani: nessuno vuole più tornare in Iraq e tutti cercano di ottenere un visto per l'Australia o per l'America. In questo senso, le scelte delle ambasciate e delle cancellerie occidentali rischiano, a modo loro, di contribuire in maniera pesante al venir meno della presenza cristiana in Medio Oriente. Il Patriarca caldeo - sottolinea mons. Lahham - ha riconosciuto che ogni cristiano deve decidere secondo coscienza cosa fare e come guardare al futuro suo e della sua famiglia. Ma se si spalancano ai cristiani le porte dell'accoglienza in Paesi avanzati dell'Occidente, tra l'altro in maniera privilegiata rispetto al resto della popolazione araba, si finisce per fomentare la partenza anche di quelli che potrebbero rimanere. Così tutti i discorsi sulla necessità di tutelare le comunità cristiane radicate da millenni in Medio Oriente, assumono un sapore quasi beffardo”. 

Leggi tutto!
 

Galantino: diamo un casa ai profughi iracheni

By Avvenire
Ivan Maffeis

«Quello che ho toccato con mano in questi giorni ci consegna la responsabilità di una risposta pronta e diversificata, in stretta continuità con l’appello alla preghiera che, come Chiesa italiana, abbiamo lanciato ad agosto a tutte le nostre comunità, a fronte delle persecuzioni che si sono abbattute sui cristiani e sulle altre minoranze religiose».
Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei – in Iraq da lunedì 13 a giovedì 16 ottobre con una piccola delegazione, fra cui il direttore di Caritas Italiana, don Francesco Soddu – scandisce le parole sottovoce, uscendo dall’“Ankawa Mall”, un magazzino in cemento armato ancora in costruzione, in cui da un paio di mesi hanno trovato un primo rifugio migliaia di persone. La struttura è una delle 27 che a Erbil, nel nord dell’Iraq, dalla mattina alla sera sono state trasformate in campo profughi per migliaia di famiglie in fuga dai terroristi dell’autoproclamato Stato islamico, guidato da Abu Bakr al-Baghdadi, sedicente successore di Maometto.
Monsignor Galantino, quando parla di “risposta diversificata” a che cosa pensa?

Innanzitutto, al sostegno immediato con cui aiutare questa gente ad affrontare la prima emergenza. Va in questa direzione il milione di euro messo a disposizione dalla Presidenza della Cei per sostenere la Chiesa locale nel predisporre agili prefabbricati in pvc che consentano di uscire dalle tendopoli e quindi di affrontare il rigore dell’inverno. I vescovi stanno predisponendo inoltre quattro scuole, nelle quali i bambini e i ragazzi qui sfollati possano ritrovare anche in questo modo un minimo di normalità. Contestualmente, ci siamo impegnati a lanciare attraverso Caritas Italiana una sorta di gemellaggio tra diocesi, parrocchie e famiglie italiane con le famiglie dei profughi: mettendo a disposizione 140 euro al mese saremo in grado di assicurare un minimo di sicurezza a una famiglia media.
Incontrando le autorità sia ecclesiastiche che governative lei si è impegnato anche a un intervento sul fronte culturale.

La formazione è il terzo livello del nostro intervento. Accanto ai bisogni primari è necessario affrontare la creazione di strutture che rafforzino l’identità e l’appartenenza cristiana in maniera ben diversa da quanto sta facendo una parte del mondo islamico. Investire in cultura significa non solo offrire a tutti la possibilità di accedervi, ma rispondere anche a un’esigenza impellente: è toccante incontrare nei campi profughi giovani universitari che, a dispetto del fango e della confusione, sono chini sui libri a preparare quell’esame che non hanno potuto sostenere nella loro città. Per questo ho garantito ai vescovi, al sindaco, al ministro per gli Affari religiosi i 2 milioni e 600mila euro per la costruzione di un’Università cattolica a Erbil. Saranno stanziati subito dal nostro Servizio per gli interventi caritativi a favore del Terzo Mondo, su fondi dell’Otto per mille.
Ha accennato alla Chiesa locale: che impressione le ha fatto?

Ho trovato una Chiesa che è in prima linea nell’accoglienza e nella gestione dell’emergenza, con un servizio che le è riconosciuto da tutti. Dagli stessi profughi emerge un sentimento di profonda riconoscenza per questa generosità intelligente e sollecita di cui sono testimoni e primi beneficiari. Tra l’altro, fra loro ci sono parroci che hanno seguito le loro comunità anche nell’esilio e ora spendono le loro giornate tra tende e box di fortuna. Uno di loro, padre Paolo, fuggito da Kirkuk, mi ha detto: “I miei cristiani sono venuti qui, in quale altro posto potevo pensare di andare io?”. Così hanno fatto il vescovo caldeo di Mosul e quello siro-ortodosso di Qaraqosh, i cui episcopi sono stati occupati dai terroristi: oggi hanno trasferito la loro curia nei pochi metri quadrati di un container, accanto a quello del pronto soccorso e della farmacia. Qui capisci cosa significhi essere pastori con “l’odore delle pecore”, come raccomanda papa Francesco.
Di tale pastorale se ne respirano i frutti fra la gente?

Basta entrare nei campi: ogni tenda, ogni piccola struttura, pur spoglia pressoché di ogni cosa, non manca di un crocifisso o di un’immagine mariana, di un segno religioso appeso alla parete o collocato su un supporto di fortuna. E che dire dei giovani che, in una simile condizione, a sera si riuniscono e preparano i canti per la celebrazione della Messa? O dell’affetto per il Papa, al quale tutti indirizzano parole di gratitudine, insieme all’invito a far loro visita? Come non rimanere coinvolti dalla donna che ti si para davanti per dirti: “Porti al Santo Padre il messaggio che noi gli vogliamo bene, e che rimarremo fermi nel Vangelo per il quale oggi stiamo pagando un prezzo così alto”?
Oltre alle necessità materiali, quali bisogni le hanno manifestato i profughi?

Vivono un desiderio struggente di tornare alla loro terra, anche se sono consapevoli che le loro abitazioni sono state requisite e depredate dai jihadisti o – e questo fa ancor più male – dai vicini di casa, che hanno potuto rimanere proprio perché musulmani. Anche immaginando un improbabile ritorno, non sarà facile ricostruire la convivenza sociale.
Negli incontri con le diverse autorità che idea si è fatto della situazione complessiva?

Si tocca con mano una profonda incertezza politica, per usare un eufemismo. In questo periodo vengono al pettine in maniera drammaticamente violenta tutte le contraddizioni tenute a bada dal regime dittatoriale di Saddam Hussein e mantenute in equilibrio dagli interessi delle potenze sia occidentali che del mondo arabo. 

Leggi tutto!
 

«Cristiani perseguitati nell'indifferenza»


Si è aperto stamani nell’Aula nuova del Sinodo il Concistoro Ordinario Pubblico presieduto dal Papa per la Canonizzazione dei Beati Giuseppe Vaz (sacerdote dell’Oratorio di San Filippo Neri, fondatore dell’Oratorio della Santa Croce Miracolosa a Goa e apostolo di Sri Lanka e India) e di Maria Cristina dell’Immacolata Concezione (fondatrice della Congregazione delle Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato). Al Concistoro partecipano anche i patriarchi del Medio Oriente per informare i membri del Collegio Cardinalizio sull’attuale situazione dei cristiani in questa regione. “All’indomani della chiusura della terza Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi sulla famiglia – ha esordito il Papa salutando i presenti - ho voluto dedicare questo Concistoro, oltre ad alcune cause di canonizzazione, ad un’altra questione che mi sta molto a cuore, ovvero il Medio Oriente e, in particolare, la situazione dei cristiani nella regione. Vi sono riconoscente per la vostra presenza”.
“Ci accomuna – ha detto - il desiderio di pace e di stabilità in Medio Oriente e la volontà di favorire la risoluzione dei conflitti attraverso il dialogo, la riconciliazione e l’impegno politico. Nello stesso tempo, vorremmo dare il maggiore aiuto possibile alle comunità cristiane per sostenere la loro permanenza nella regione. Come ho avuto occasione di ribadire a più riprese, non possiamo rassegnarci a pensare al Medio Oriente senza i cristiani, che da duemila anni vi confessano il nome di Gesù”. “Gli ultimi avvenimenti, soprattutto in Iraq e in Siria – ha sottolineato - sono molto preoccupanti. Assistiamo ad un fenomeno di terrorismo di dimensioni prima inimmaginabili. Tanti nostri fratelli sono perseguitati e hanno dovuto lasciare le loro case anche in maniera brutale. Sembra che si sia persa la consapevolezza del valore della vita umana, sembra che la persona non conti e si possa sacrificare ad altri interessi. E tutto ciò, purtroppo, nell’indifferenza di tanti”. “Questa situazione ingiusta richiede – ha affermato - oltre alla nostra costante preghiera, un’adeguata risposta anche da parte della Comunità Internazionale. Sono sicuro che, con l’aiuto del Signore, dall’incontro odierno verranno fuori valide riflessioni e suggerimenti per potere aiutare i nostri fratelli che soffrono e per venire incontro anche al dramma della riduzione della presenza cristiana nella terra dove è nato e dalla quale si è diffuso il cristianesimo”.
Sullo “sfondo” del Concistoro per il Medio Oriente, “oltre alle condizioni per le ingiustizie subite e le gravi difficoltà in cui si trovano i cristiani, c’è il grande dilemma di andare o restare”. Lo ha riferito il direttore della sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, nel briefing di oggi sul Concistoro, “molto importante”, sul Medio Oriente a cui il Papa ha invitato i cardinali e i patriarchi, subito dopo la conclusione del Sinodo sulla famiglia. Al Concistoro, ha riferito il portavoce vaticano, hanno partecipato 86 cardinali e patriarchi, oltre al cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, la cui relazione di base è stata “molto ricca e apprezzata”, mons. Mamberti e mons. Becciu, in rappresentanza della segreteria di Stato. Tra i 25 e i 30 gli interventi per due ore di dibattito: tutti e 6 i patriarchi delle Chiese mediorientali, presenti al Sinodo, hanno preso la parola, manifestando innanzitutto “grande gratitudine per il Papa e i suoi frequenti interventi sul tema”, nonché per il “vero sostegno e la partecipazione calorosa” delle altre Chiese alla loro situazione. I patriarchi hanno “passato in rassegna la situazione dei loro rispettivi Paesi”, ha riferito il portavoce vaticano.
Iraq, Siria, Egitto, Terra Santa, Giordania, Libano
: questi alcuni Paesi che hanno fatto sentire la loro voce in Aula del Sinodo. In generale, sono stati ribaditi alcuni principi: “L’esigenza della pace e della riconciliazione in Medio Oriente, la difesa della libertà religiosa, il sostegno alle comunità locali, la grande importanza dell’educazione per creare nuove generazioni capaci di dialogare tra loro, il ruolo della comunità internazionale”. Il Medio Oriente, in altre parole, ha un bisogno urgente di ridefinire il proprio futuro: a partire dall’importanza di Gerusalemme come “capitale della fede” per le tre grandi religioni monoteiste e dalla necessità di arrivare a una soluzione dei conflitti israelo-palestinese e siriano.
Di fronte alle violenze perpetrate dall’Is, è stato ribadito che “non si può uccidere in nome di Dio”. In particolare, è stata evidenziata l’esigenza che “ai cristiani siano riconosciuti tutti i diritti civili degli altri cittadini”, soprattutto nei Paesi in cui attualmente la religione non è separata dallo Stato. Riguardo, inoltre, al sostegno per le comunità locali della regione, è stato ribadito che “un Medio Oriente senza cristiani sarebbe una grave perdita per tutti”: di qui la necessità di “incoraggiare i cristiani affinché restino in Medio Oriente” e che i profughi possano tornare alle loro case, anche attraverso apposite “zone di sicurezza”.    
Il cardinale Béchara Boutros Raï, patriarca di Antiochia dei maroniti si è così espresso, intervistato da Radio Vaticana: «Siamo molto grati al Santo Padre per questa seconda iniziativa, dopo quella dell’incontro con i nunzi, per conoscere la realtà del Medio Oriente e, adesso, per il Concistoro. Vuol dire che il Papa ha una grande preoccupazione, e a giusto titolo, sia per il Medio Oriente come tale, e la pace, sia anche per la presenza cristiana, la quale vive momenti molto cruciali. E poi siamo anche grati che lui abbia invitato i Patriarchi a partecipare. Noi stiamo preparando un foglio, a nome dei Patriarchi, partendo da dove sono arrivati con l’incontro dei nunzi. Quindi faremo la nostra lettura sulle attese della Chiesa e della comunità internazionale.»
La riunione odierna segue quella di inizio ottobre che, sempre sul Medio Oriente, si è svolta tra i maggiorenti della Curia romana e i nunzi apostolici nell'area ed ha permesso alla Santa Sede sia di fare il punto sulla situazione della minoranza cristiana sia di tornare a ribadire la necessità di evitare una soluzione militare unilaterale.

Leggi tutto!

venerdì, ottobre 17, 2014

 

Lettera da un amico cristiano in Iraq

Zainab Salbi
Tradotto ed adattato da Baghdadhope

Quando ero bambina i miei genitori mi diedero una piccola radio rossa come regalo da Babbo Natale ed io ne fui confusa. Non sapevo chi fosse Babbo Natale e non avevo idea del perché l'occasione meritasse un dono. A quanto pare i miei genitori erano preoccupati che io potessi essere gelosa dei nostri vicini cristiani quando facevamo loro visita e ci univamo a loro per celebrare il Natale. Questi erano i ricordi felici dell’Iraq nel quale sono cresciuta.
Mi ricordo che mi piaceva moltissimo l'albero di Natale decorato, il cioccolato che ci offrivano e l'umore di festa dei nostri vicini cristiani. I regali a sorpresa di Babbo Natale alla fine cessarono quando i miei genitori si resero conto che non ero gelosa, ma ciò che continuò fu l’atmosfera di amicizia reciproca tra cristiani e musulmani in Iraq. Come famiglia musulmana  abbiamo sempre festeggiato con i nostri amici cristiani le loro ricorrenze ed a loro volta essi si univano a noi per celebrare le feste musulmane. Nessuno pensava alla differenza di religione. Eravamo tutti iracheni e l'Iraq si distingueva per la diversità di religione e di etnia della la sua gente. Questo però non è l'Iraq di oggi.
I cristiani iracheni sono stati uccisi e rapiti sin dall’inizio dell'invasione del paese nel 2003. Inizialmente si ritrovarono intrappolati nelle tensioni e negli scontri tra sunniti e sciiti, ma con il passare del tempo furono colpiti direttamente dalla maggior parte dei gruppi estremisti religiosi, a partire da al Qaeda in Iraq. Gli attacchi brutali iniziarono a colpire singoli cristiani per poi culminare con attacchi esplosivi alle comunità riunite in chiesa per le funzioni. Ci furono anche discriminazioni sui posti di lavoro e molestie per le strade. Per tutto quel tempo i sacerdoti continuarono a premere perché i cristiani rimanessero nelle loro case e non fuggissero dal proprio paese.
"Questo è il nostro paese. Siamo il popolo originario di questo paese e la più antica comunità cristiana nel mondo. Non dobbiamo lasciare l'Iraq. Questa è la nostra casa," sosteneva un sacerdote in un sermone nella stessa chiesa di Baghdad che fu bombardata qualche anno fa. I cristiani non sono soli a comprendere l'importanza di rimanere nella loro patria nonostante le minacce. I musulmani moderati che sanno che la comunità cristiana è parte del tessuto sociale dell'Iraq hanno lo stesso atteggiamento nei riguardi della necessità di mantenere il paese unito nella sua diversità. Ma con il diffondersi della paura a causa dell’ISIS le cose sono cambiate per tutti.
Al momento, tutti quelli che conosco in Iraq hanno paura. Se sei un musulmano, sunnita o sciita, sai almeno che ci sono milizie o eserciti di ambo le parti a difenderti. Molti sunniti moderati e sciiti sostengono le milizie della propria setta non per credenze o valori ma per pura paura, sapendo che l'altra parte vuole ucciderli. Così sostengono le milizie che combatteranno. Al momento è semplicemente il bisogno di sopravvivere che guida le decisioni delle persone, e non l'ideologia, ma non ne vien fuori nulla di buono quando le motivazioni sono dettate dalla paura. Eppure i musulmani terrorizzati all'interno delle loro comunità e dall’ISIS, gli sciiti, e quei sunniti che non sono d'accordo con l’Islam proposto dall’ISIS, sono in una posizione migliore rispetto ai cristiani che vivono in tutto il paese: da Bassora a Baghdad, da Mosul alla parte più lontana del Kurdistan, se sei un cristiano non c'è nessuno a cui rivolgerti - e nell’Iraq di oggi nemmeno al governo.
Le recenti comunicazioni con i miei amici cristiani iracheni negli ultimi mesi si sono evolute da "siamo preoccupati," a "abbiamo paura," a "siamo minacciati," a "abbiamo bisogno di aiuto" fino alla lettera inviatami da un carissimo giovane uomo iracheno con cui ho avuto il privilegio di lavorare in passato: George, che come nessun altro si è dedicato all'Iraq ed ai diritti delle donne:
Ecco cosa scrive:

Cara Zainab,
sono felice  di avere tue notizie.
 La comunità cristiana si sta riducendo giorno dopo giorno a Baghdad ed in Iraq in generale, anche quella che vive in Kurdistan. Mia sorella e mia cugino erano gli ultimi membri della famiglia che avevo in Iraq e sono entrambe partiti. Mia sorella, che aveva un buon lavoro, e suo marito, che lavora in una agenzia delle Nazioni Unite, hanno deciso di partire per gli Stati Uniti. Mio cugino che viveva a Baghdad con la moglie ed i tre figli sono partiti tre mesi fa per la Giordania per chiedere asilo.
Non ho più nessuno in Iraq. Molte persone che conoscevo,  gente della chiesa o amici, sono andati in Turchia, Libano o Giordania. Ci sono circa 1200 famiglie cristiane oggi in Libano dopo gli ultimi eventi, famiglie che  provenivano da diverse parti dell'Iraq. Personalmente sono stato attaccato da 2 ragazzini armati. Uno di loro mi ha puntato la pistola alla testa chiedendomi di dargli il mio cellulare e il portafoglio. Non ha parlato molto ma io non dimenticherò le sue poche parole: «Sembri un cristiano, ecco perché non ti uccideremo ma ti prenderemo solo il cellulare ed il portafoglio.» Tutto questo è accaduto proprio di fronte a casa mia.
Quando sono entrato in casa ero senza parole. Ero felice perché ero al sicuro e vivo, ma allo stesso tempo ho provato sentimenti contrastanti di rabbia e tristezza. Voglio indietro il mio iPhone perché mi appartiene  e non è giusto che perché sono cristiano possano rubare le mie cose. Quando sono andato alla stazione di polizia per fare la denuncia - dato che usano i telefoni cellulari per causare esplosioni alcuni amici mi hanno spinto ad andare il giorno stesso a farla – i poliziotti erano rilassati e mi sorridevano in faccia senza neanche ascoltarmi. La mattina dopo sono andato a riferire i fatti al tribunale penale e finalmente sono riuscito a sporgere denuncia. Nessuno però ha fatto il minimo commento e questo, devo ammettere, mi ha infastidito molto.
Ai cristiani ricchi di Baghdad le bande telefonano chiedendo loro di pagare 60.000 dollari americani o più perché i figli non vengano rapiti. E lo fanno dicendo “siete cristiani, non vogliamo farvi del male ma dateci i soldi”.
 Molti sono fuggiti da Baghdad per andare al nord ma ora queste famiglie vivono nelle chiese senza un minimo di privacy. A causa delle chiese affollate di tanti ragazzi e ragazze le stesse chiese, d’accordo con i genitori, stanno organizzando perché i ragazzi si sposino tra di loro in modo da creare ordine sociale e evitare le tensioni sessuali.
Un fenomeno di cui non si parla ma che sta accadendo.
In generale i cristiani non sentono di essere ben accolti o di avere ancora spazio in Iraq. Personalmente non mi sembra che ci sia un sistema o una legge che tuteli me o la mia famiglia dalla violenza ogni volta che qualcuno ha bisogno di soldi o agisca per vendetta o per qualsiasi altra ragione. La mia ed altre famiglie che non hanno molti modi per partire sono in attesa di un miracolo per farlo. Se avessi abbastanza soldi o risparmi vorrei portare i miei genitori anziani, la mia famiglia, mia sorella e mio fratello in un posto più sicuro dove potremmo far richiesta di emigrare in qualsiasi posto del mondo in cui la dignità degli esseri umani è rispettata.... penso di avere un problema di depressione e di sicuro avrò bisogno di guarire dal trauma, ma la mia priorità adesso è la sicurezza della mia famiglia perché vedo immagini dei visi di mia sorella o di mio fratello quando qualcuno bussa alla porta dopo le  8 di sera. In tutti i momenti della giornata le porte sono chiuse a chiave.
Il mio unico sollievo è il mio lavoro anche se sono meno produttivo ora e soffoco la tensione e la depressione fumando. Sì, ho iniziato a fumare e per ora è il mio modo di rilassarmi. 
Saluti, George


E' davvero difficile - molto difficile - chiedere alle persone di sacrificare il benessere proprio e delle loro famiglie quando le loro vite sono in pericolo. A meno che il governo iracheno non dia priorità alla protezione delle popolazioni di minoranza in Iraq, e faccia sentire ognuno al sicuro e benvenuto nel paese, questo governo sarà responsabile del cambiamento del DNA sociale del paese se la comunità cristiana, in quanto la più numerosa comunità di minoranza, finirà per lasciare l'Iraq.
Scrivo ciò come musulmana che crede che un paese sia bello solo in misura della sua accettazione e protezione del suo diverso tessuto sociale. Dalla seconda guerra del Golfo l'Iraq ha assistito alla diminuzione della sua popolazione cristiana dall'8 per cento al 5 per cento, ovvero da circa 1,5 milioni di persone in tutto il paese alla cifra attuale stimata tra 200.000 e 450.000. Un paese è un “buon”  paese soltanto quando c’è un “buon” trattamento delle sue popolazioni e minoranze più emarginate.
Se il governo iracheno non considererà prioritario la protezione della sua popolazione cristiana, così come delle altre minoranze, attraverso la sensibilizzazione politica, la protezione e il rispetto, noi perderemo l’Iraq di una volta. E l’ISIS avrà vinto anche se il loro esercito sarà infine sconfitto.

Leggi tutto!
 

A Letter From a Christian Friend in Iraq

By Huffington Post
Zainab Salbi

When I was a child my parents gave me a small red radio as a gift from Santa, and I was confused. I did not know who Santa was and had no idea why the occasion merited a gift. Apparently, my parents were worried that I may be jealous of our Christian neighbors when we visited them on Christmas and joined them in celebration. These were happy memories from the Iraq I grew up in.

I remember immensely enjoying the decorated Christmas tree, the chocolate we were offered, and the celebratory mood of our Christian neighbors. Santa's surprise gifts eventually stopped when my parents realized I was not jealous, but what continued was the mutual merriment between Christians and Muslims in Iraq. As a Muslim family, we always celebrated with our Christian friends during their holiday and, in turn, they joined us in our celebration of Muslim holidays. No one thought twice about the difference in religion. We were all Iraqis and Iraq stood for diversity of religion and varied ethnicity amongst its people. But that is not the case in today's Iraq.
Iraqi Christians have been killed and kidnapped ever since the invasion of Iraq in 2003. Initially, they were caught between Sunni and Shia tensions and fighting -- and eventually they were targeted directly by most religious extremist groups, starting with al Qaeda in Iraq. The brutal attacks began on Christian individuals and then culminated into mass bombings on churches during sermons. Then it expanded into more subversive methods, from discrimination within the workplace to harassment in the streets. Throughout that time, priests were advocating for Christians to stay in their homes and not flee their county.
"This is our country. We are the original people of this country and the oldest Christian community in the world. We should not leave Iraq. This is our home," a priest advocated in a sermon in the very church in Baghdad that was bombed a few years ago. Christians are not alone in understanding the importance of staying in their homeland despite threats. Moderate Muslims who know that the Christian community is part of the social fabric of Iraq are very much part of the same attitude to keep the country united in its diversity. But as fear spread with the arrival of ISIS, things have changed for all.
At the moment, everyone I know in Iraq is afraid. If you are a Muslim, whether Sunni or Shia, you at least know there are militias or armies on either side to defend you. Many moderate Sunnis and Shi'a are supporting the militias of their own sect -- not out of beliefs or values but out of pure fear, knowing that the other side wants to kill them. And so they support the militias who will do the fighting. At the moment, it is merely the urge to survive that is driving people's decisions and not ideology. But no good can come when fear is the motivating actions. Still, Muslims that are experiencing terror within their own communities and from ISIS, who are clearly after all Shi'a and any Sunni who do not agree with their way of Islam, are in a better position than the Christians who live across the country: from Basra to Baghdad to Mosul and all the way to the furthest part of Kurdistan. If you are a Christian, there is no one to turn to -- and in today's Iraq, not even the government.
My recent communication with my Iraqi Christian friends over the past few months evolved from "we are worried," to "we are scared," to "we are threatened," to "we need help" to the following letter from a very dear young Iraqi man whom I had the privilege to work with in the past. And I know of no one who is as dedicated to Iraq and women's rights as much as my friend George. In his letter he says:
Hello dear Zainab,Very glad to hear back from you,
The Christian community is shrinking day after day in Baghdad and Iraq in general, even those who live in Kurdistan. My sister and cousin are the last family members I have in Iraq and they are both gone. My sister who had a good job and her husband who works in a UN agency decided to leave to the States. And my cousin who lived in Baghdad with his wife and three children left three months ago to Jordan to apply for asylum.
I have no one in Iraq. Many people I knew in church, or friends, are gone to Turkey, Lebanon or Jordan. There are about 1200 Christian families now in Lebanon after the latest events all came from different parts of Iraq.
Me personally, I was attacked by 2 armed very young boys. One of them put his gun directly to my head, asking me to give him my phone and wallet. He did not say many words but I will never forget what he said: "you look Christian. That's why we will not kill you. We will just take your cell phone and wallet." That happened just in front of my home.
When I entered my home I was speechless really. I was happy that I was safe and alive, in the same time mixed feelings of anger and sadness. I want back my iPhone, because it belongs to me and it is not fair that because I am Christian they can steal my stuff. When I went to [the] police station to report, since they use cell phones in explosions so some friends asked me to go the same day to report, the police were relaxed and smiling in my face and even did not listen to me. Next morning I went to criminal court to report and I finally succeeded in reporting. But no one commented anything to me and I have to admit that bothered me really. A lot.
Rich Christians in Baghdad are called by phone by gangs asking them to pay $60,000 and above or they will kidnap their children, saying that ["]you are Christians we don't want to hurt you just give us money.["] This is a fact.
Many fled Baghdad to go to the North. But those families are living in churches and they live with no privacy. Because of the crowded churches with so many boys and girls, the churches with parents are arranging for the teenagers to get married to each other so they create social order and take away any sexual tension.
This is not announced but it is happening.
In general, Christians don't feel they are welcomed or have space anymore in Iraq, for me personally I don't feel there is a system or law protecting me or my family from violence in anytime someone needs money or revenge or any other reason. My family and other families, which do not have many resources to leave, are waiting for miracles to happen to leave. If I had enough money or savings I would take my older parents, family, sister and brother to a safer place where we can apply for immigration to any spot of earth that respects dignity of human beings.... I think I have [a] depression problem myself and for sure will need trauma healing but my priority now is safety of my family really, because I see impressions of my sister or brother's face when [the] door knocks after 8 pm. All times of the day the doors are locked.
My only relief is my work, even though I am less productive now and kill my tension and depression with smoking. Yes I started smoking as it's my way to relax now.
Best, George
It is hard -- very hard -- to ask people to sacrifice the well-being of themselves and their families when their lives are in danger. Unless the Iraqi government prioritizes the protection of the minority population in Iraq and makes everyone feel safe and welcome in the country, this government will be responsible for changing the social DNA of the country if the Christian community, as the biggest minority community, ends up leaving Iraq. I write this as a Muslim who believes a country is only as beautiful as its acceptance and protection its diverse social fabric. Since the second Gulf War, Iraq has witnessed the shrinking of its Christian population from 8 percent to 5 percent, or about 1.5 million people, across the country to the current estimated figure of 200,000-450,000. A country is only as good as its treatment of its most marginalized populations and minorities.
If the Iraqi government does not prioritize the protection of its Christian population, as well as other minorities, through political sensitization, protection, and respect, we will lose the Iraq that it once was. And ISIS will have won even if their military is ultimately defeated.

Leggi tutto!
 

Iraq. Usa: Is non minaccia Baghdad. Mons. Warduni: c'è paura

Cecilia Seppia

Lo Stato Islamico continua a seminare terrore nonostante la morsa in cui prova a stringerlo la comunità internazionale. In Iraq, sono diverse le città sotto assedio: a Ramadi le autorità hanno imposto il coprifuoco totale dalla mezzanotte scorsa, perché secondo informazioni di intelligence i jihadisti sarebbero pronti a colpire le forze di sicurezza e gli abitanti in modo indiscriminato. A Tikrit, l’esercito ha lanciato un’offensiva per liberare almeno le zone del nord, occupate da giugno. Baghdad, invece ieri è stata teatro di sanguinosi attacchi costati la vita a 36 persone, in seguito rivendicati dai miliziani, però poi il Pentagono ha rassicurato: “La capitale non è più sotto la minaccia imminente dell'Is”. A Kobane, città siriana al confine con la Turchia, si combatte ancora, ma secondo fonti giornalistiche locali il sedicente Stato islamico starebbe perdendo terreno e nell’arco di pochi giorni – stando anche ai peshmerga curdi – potrebbe essere cacciato definitivamente, sempre con il sostegno dei raid della coalizione internazionale che nelle ultime ore sono stati 14. E mentre il costo di vite umane si è fatto pesantissimo – oltre 660 le persone rimaste uccise nella cittadina – arrivano nuove minacce in video: a volto scoperto in inglese, francese e tedesco i miliziani dicono “taglieremo le teste di tutti quelli che manderete”.
Nonostante le rassicurazioni del Pentagono, in molte città irachene, e soprattutto a Baghdad la preoccupazione resta forte e non c’è alcuna chiarezza sulle strategie usate. Lo spiega mons. Shlemon Warduni, vescovo ausiliare di Baghdad dei Caldei, al microfono di Cecilia Seppia:
Questi miliziani hanno seminato terrore. Non c’è tranquillità. La gente non è più tranquilla perché pensa sempre che queste persone possano arrivare da un momento all’altro, anche se sono lontane, perché tutti dicono una cosa ma poi ne accade un’altra. E' stato così in Siria, così è stato qui nella Piana di Ninive, a Mosul. Per questo, la gente da una parte teme queste cose, ma dall’altra deve vivere: va e viene, continua a lavorare quando può e dove c’è lavoro, perché molti non hanno lavoro.
Quindi, fondamentalmente, questa dichiarazione che avrebbero fatto gli Stati Uniti, dicendo che non c’è minaccia reale per Baghdad da parte dello Stato islamico, secondo lei è vera o no?
Spero sia così, perché questa sarebbe una grande grazia per il nostro popolo. Però, loro hanno il loro punto di vista, sono sul campo di battaglia, noi non possiamo sapere... Abbiamo la speranza che sia così, cioè che questo gruppo non arrivi a Baghdad. Poi, d’altra parte, noi dobbiamo pensare che ci sono sei milioni di persone a Baghdad e la maggioranza di loro è contro l’Is. Quindi, speriamo non ci sia minaccia per la capitale. Però, dicevo ciò che si vede, e cioè che si dice una cosa e dopo si sente altro. Io avevo detto che il mondo deve prendere la questione sul serio, deve agire insieme con un progetto concreto.
Lei diceva anche: “Stiamo cercando di stare vicino alle persone e di pregare ovviamente”. Che cosa sta facendo in concreto la Chiesa?
La Chiesa cerca prima di tutto di trovare case per le persone che si trovano a nord. Loro hanno molte difficoltà. Poi, cerca di dare loro ciò che possono per vivere: cibo, cose per riscaldarsi un po’ di notte, di giorno, così… La Chiesa fa ciò che può.
Ieri, Baghdad è stata scossa da una serie di attacchi sanguinosi. Inizialmente, si pensava che fossero i soliti attentati tra sunniti e sciiti. Invece, poi è arrivata la rivendicazione dello Stato islamico. Quindi, c’è una guerra che si aggiunge alla guerra. La situazione in Iraq si sta davvero complicando con la presenza dello Stato islamico.
Certamente. Non è facile. Ho sempre detto che non è facile. Si sente subito che questi sono andati lì, sono arrivati lì, sono forti. D'altra parte, il governo non fa niente, l’esercito iracheno è debole - e si vede - mentre dall’altra parte i Daech (Is) fanno le cose in segreto e vanno avanti. Speriamo che le forze internazionali riescano a tenerli lontani. La nostra fiducia però è nel Signore, solo nel Signore.

Leggi tutto!
 

Piogge torrenziali sui rifugiati, lo stato di emergenza peggiora


  Nel pomeriggio di mercoledì 16 ottobre si sono intensificate le piogge già iniziate nei giorni precedenti nell'area di Erbil. Temporali si sono abbattuti anche su Ankawa, il sobborgo a maggioranza cristiana del capoluogo del Kurdistan iracheno dove hanno trovato rifugio precario migliaia di profughi fuggiti da Mosul e dalla Piana di Ninive davanti all'offensiva dei miliziani jihadisti dello Stato Islamico (IS). Le previsioni metereologiche annunciano per i prossimi giorni nuove abbondanti precipitazioni destinate a peggiorare la situazione.
Davanti all'aggravarsi dell'emergenza, i comitati di cittadini, in coordinamento con l'arcidiocesi caldea e insieme alle agenzie umanitarie impegnate nel soccorso dei rifugiati, hanno lanciato un appello alle autorità locali e alla comunità internazionale ad agire con tempestività in soccorso di chi si trova nelle condizioni più disagiate, distribuendo come misura provvisoria teli di plastica sufficientemente resistenti per proteggere gli accampamenti di tende sorti all'interno dei parchi e di altri spazi pubblici. Sono almeno mille le tende degli accampamenti disseminati per Ankawa.
Il governo di Baghdad ha annunciato l'avvio di un progetto per la costruzione di migliaia di unità abitative prefabbricate destinate ai profughi, sia nell'area di Erbil che in quella di Dohuk (vedi Fides 14/10/2014). “Però finora - riferisce all'Agenzia Fides il sacerdote caldeo Paolo Thabit Mekko, anche lui rifugiato a Ankawa dopo essere fuggito da Mosul - oltre agli annunci, non si è visto niente. Le uniche iniziative concrete vengono dagli organismi internazionali e soprattutto dalla Chiesa, che sta avviando un programma per affittare case e acquistare container che possano fornire un riparo meno precario delle tende”.
Intanto si è appena conclusa la visita tra i rifugiati iracheni compiuta dal Vescovo Nunzio Galantino, Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) insieme al Direttore di Caritas Italia, don Francesco Soddu. Mons. Galantino si è impegnato a sostenere gemellaggi tra le diocesi italiane e le comunità cristiane irachene per favorire iniziative di aiuto a favore dei profughi. Intanto Caritas Iraq, sostenuta da Caritas Internationalis e da Caritas Italia, ha da poco lanciato un nuovo appello per raccogliere 2.422.914 euro per assistere 12.350 famiglie di nuovi sfollati con kit di prodotti alimentari e altri generi di prima necessità.

Leggi tutto!

giovedì, ottobre 16, 2014

 

Iraqi Christian church warns of IS persecution

John Newton  Marcela Szymanski
15 October 2014

With all the focus on the rise of the Islamic State (IS) and related turmoil in the region, one important and tragic story has been left out of the popular narrative: the plight of the Middle East's ancient Christian communities. These once vibrant communities, numbering in the hundreds of thousands, face additional duress as winter approaches. The European Union must take concrete action immediately in order to avoid the loss of many lives and of humanity's cultural heritage, which they represent.
With no support from the central government in Baghdad, and Christian families largely unregistered for international humanitarian aid, the Iraqi churches' emergency committee has been looking after refugees of all ages and backgrounds mainly in Erbil and Dohuk in the Kurdish region. The situation in Erbil illustrates the problems the displaced face. More than 70,000 people have been forced to take shelter in the Kurdish capital in church halls, sports centres and classrooms. These spaces have all been turned into makeshift accommodation, with up to 15 families sharing a classroom. As the need exceeds the available facilities, many families have been sleeping in public spaces such as parks and car parks.
The large majority of these displaced families left their homes with only the clothes on their backs, facing the dire choice of renouncing their faith or paying high amounts of money to the IS. A religious minority, the Yazidis, were hunted all the way up to the Sinjjar Mountains, and the media images moved the US to order its air force to the area.
These examples are indicative of the larger catastrophe facing the region's Christians. According to estimates from Iraq's Chaldean Catholic church, 120,000 Iraqi Christians have been displaced, out of a total estimated 240,000-260,000 (a number already greatly diminished by persecution following the fall of Saddam Hussein). Altogether, about 50 per cent of Iraqi Christians have been displaced or left the country.
Selective media coverage has led to the mistaken impression that Christians have not been persecuted, but only other minorities. As a result the Chaldean patriarch Louis Raphaël Sako was confronted during his information visits to Brussels in July and September, with the lack of knowledge about the situation of the Christians even among high level EU officials. And yet, Christians face horrific persecution, rape, women sold in markets, children pulled out of their mothers' arms and other abuses. Since IS seized the towns where Christians were living, there have been many martyrs.
Christians and other refugees need immediate help with the most basic living necessities. Patriarch Raphael Sako said, "They need everything because the IS terrorists have taken all they had, physically, morally and psychologically. The greatest challenge at the present time is the provision of living accommodation… the winter is very cold in Iraqi Kurdistan, and the people cannot possibly stay in tents." In the absence of state support, the church has been bearing the burden of feeding and providing medicine and other necessities for the refugee families who fled IS.
Patriarch Sako and other church representatives called on EU policymakers to take two concrete steps to help Christians: exert political pressure on the government of Iraq and its neighbours to protect the civilians, and give more humanitarian aid via channels other than the UN agencies. "Many people refuse to register with the UN, they believe that if they stay outside the camps they have more chances to find a job and be quicker to return to their homes once the Nineveh plains are liberated", said patriarch Sako. "They do not want to depend 100 per cent on aid and the church can support them temporarily in this effort". The EU shares this view, but it has to make it a reality and extend its vision of the conflict to the Syrian and Iraqis who happen to be Christian.


John Newton is Aid to the Church in Need UK press officer and Marcela Szymanski is Aid to the Church in Need UK's EU-liaison officer

Leggi tutto!
 

IRAQ: Mission of mercy

15 October 2014

Thousands of displaced Iraqi Christians are to receive food, shelter, schooling and gifts for children in a concerted emergency relief programme rushed through by a Catholic charity before the onset of winter.
The €4 million scheme announced by Aid to the Church in Need – one of the largest in the charity’s 67-year history – also includes pastoral support for priests and Sisters displaced by the crisis that has swept the country.
The projects, a number of them agreed yesterday (Tuesday, 14th October), come amid fresh reports from Iraq that the crisis facing up to 120,000 displaced Christians is on the verge of worsening drastically.
There is huge pressure to move thousands of families out of tents before winter comes and the weather is expected to deteriorate sharply in the next few weeks.
Other families have just days to leave public buildings such as schools which have been converted into displacement centres where they have been sleeping up to 20 to a room.
The Christian communities are entirely dependent on outside help and have been supported by the Church since they arrived in Kurdish northern Iraq.
Many of them have found refuge in Ankawa, close to the regional capital, Erbil, and further north in the region of Dohuk, close to the Turkish border.
It is now nearly four months since they left their homes with little more than the clothes they were wearing when Islamic State fighters advanced on Mosul city and towns and villages in the neighbouring Nineveh plains.
Amid growing concerns for their future as winter approaches, ACN’s emergency projects’ package includes:
  • Eight schools – four in Ankawa, Erbil, and the rest in Dohuk – pre-fabricated PVC structures providing for 15,000 children (€2 million)
  • Food for displaced people totally reliant on outside help (€630,000)
  • Rented accommodation in Ankawa and Dohuk for displaced people (€400,000)
  • 150 PVC porta-cabins in Ankawa for use as accommodation (€470,000)
  • Christmas gifts for 15,000 children including warm clothes (coats and socks), pencils, colouring books and devotional items and ACN Child’s Bibles (€295,000)
  • Mass stipends for more than 100 priests – both Chaldean and Syrian Catholic –from Iraq, most of them displaced by violence and other unrest (€88,200)
  • Help for 28 seminarians at St Peter’s Seminary, Ankawa (€39,000)
Additional grants include €19,000 emergency aid for Sacred Heart Sisters displaced from Mosul, €78,000 support for Babel College of Philosophy and Theology in Ankawa and €38,000 help for Christian education (catechism) in 20 parishes across Baghdad.
Taken together, the aid builds significantly on the €200,000 given as emergency aid to Christians fleeing Mosul and the Nineveh Plains in the immediate aftermath of the Islamic State attacks.
The projects were drawn up during an ACN fact-finding and project assessment trip organised at short notice and completed a week ago.
The charity’s head of Middle East projects Fr Andrzej Halemba said: “This ancient community, which dates back to biblical times, is on the verge of disappearing forever.
“They have suffered so much and this is a once-in-a-lifetime opportunity to help them and give them what they need to get through the winter.”
Chaldean Archbishop Bashar Warda of Erbil said: “I would like to thank Aid to the Church in Need for acting so quickly to help the people especially as we get close to winter.”
Chaldean Archbishop Amil Nona of Mosul, who was among the 500,000 who fled the city in June when it was seized by Islamic State, is chair of the Emergency Committee of Bishops formed to coordinate relief efforts.
He said: “I am personally so grateful to ACN – you are giving us new hope.”
Archbishop Nona called on ACN and all people of goodwill to pray for Iraq.
He told ACN: “Please pray for the safety of our people, that none are killed by terrorists; we should also pray for those who have persecuted us and we should also pray for an end to evil which is now so great in the world.”

Leggi tutto!
 

Iraqi Christians fleeing ISIS find refuge behind church walls

By CBC News
Margaret Evans
Correspondents Margaret Evans and Derek Stoffel are in Iraq's semi-autonomous region of Kurdistan, bringing you stories from the front lines of the fight against ISIS militants as Canada prepares to join the international coalition military campaign.
Iraq’s Christian community was already under pressure before ISIS militants marched onto the scene last June, planting their black flags in towns across northern Iraq and ordering Christians to convert or be killed. 
The number of Christians living in the country is reported to have declined by up to two-thirds in the bloody decade of sectarian strife that followed the U.S. invasion of Iraq and the toppling of Saddam Hussein back in 2003. 
Now many Iraqi Christians are wondering if the arrival of ISIS has signalled the death knell for the community’s future in the country. 
At least 100,000 Christians have fled the ISIS advance across the Ninenveh plains in Iraq, a country which has been home to one of the oldest Christian communities in the world.
Many have gone to Erbil, capital of Iraq's Kurdistan region, to take shelter, quite literally, behind the protective walls of their faith. 
The grounds of St Joseph’s Church in the city’s Christian Ankawa district have been turned into a refugee camp. 
“Everybody wants to leave now,” says Sundus Monsour, a schoolteacher from the now-emptied town of Qorqoresh. 
“Go to Canada, U.S., Germany. What can we do [here]?” she says, pointing to the tent she and her relatives have been sharing with two other families for months.  

Can't go home

The men who have sought refuge there sleep outside on the ground. 
Esa Amir says he has two houses and a business back in Mosul to which he can’t return. Now, after having eye surgery in Erbil, he also has a hospital bill he can't pay.
Amir was one of 60,000 Christians living in Mosul when ISIS arrived. He says the militants gave people two days to leave and used those two days to rob as many as they could.
“They told the women to give their rings … if not, they will cut their fingers. We have been destroyed inside. That’s why we fled. We are frightened even in Erbil because they might attack.”
For the Christian leaders tending to this transplanted flock, the prospect of another exodus from the Middle East is a painful one. 
"Sometimes you feel paralyzed to discuss [convincing them to stay] because from one side they have the right,” says Archbishop Bashar Warda, a leader of the Chaldean church. 
“They have nothing. They’ve lost everything.
“But for me as a bishop when I see people are just leaving, it’s not easy.”
Kurdish leaders have said their famed Peshmerga soldiers will fight to take back the Christian villages, but Warda says no one will return to their homes if Mosul remains in the hands of ISIS. 

'It's the mentality'

He’s also not convinced arms alone are enough to defeat the militants.
“ISIS is an ideology which is spread all over Mosul,” he says. “Only [300] to 400 entered Mosul and within one day they became 5,000 … so it’s the mentality.” 
Warda says he’s disappointed that “some of the more influential Islamic figures” didn’t come out with stronger condemnations of ISIS.
It is on an intellectual level that the battle must be won, he believes. 
“Maybe it would stop the activities,” he says of a physical fight for the city, “but it would not put an end to the mentality which is attracting so many young people, not from Mosul but from all over the world to come and fight.”


Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?