lunedì, novembre 23, 2015


Le campane di Alqosh, gli ultimi cristiani d’Iraq

Le campane di Alqosh, gli ultimi cristiani d’Iraq
L’associazione VERSO LA MESOPOTAMIA organizza per martedì 24 novembre 2015, ore 20,30, presso l’Oratorio S. Gabriele, via Pomerio, 15, Arco (Tn) il documentario sulla vita dei cristiani
“a 5 minuti dall’inferno dello stato islamico” di Roberto Spampinato.

Le campane di Alqosh, gli ultimi cristiani d’Iraq
L’incontro è per condividere il vissuto dei cristiani caldei di ALQOSH in IRAQ con la presenza di Padre Ghazwan Baho e riflettere sul problema delle migrazioni e della devastante guerra dell' ISIS.
Sarà un importante momento di conoscenza e solidarietà!
Roberto Spampinato, autore del documentario “Le Campane d’Alqosh” intervisterà Don Ghazwan Baho, Parroco di Alqosh.
Interverrà Anderious Oraha, giornalista iracheno, rifugiato politico in Italia, autore del libro Una storia irachena.
Chiuderà la serata il gruppo musicale BRB con l’anteprima dell’opera rock Quo vadis - storie di migranti con la partecipazione del musicista e cantante kurdo Serhat Akbal
Con il Patrocinio del Comune di Arco


Per info:
Anna Maria Parolari
Associazione " Verso la Mesopotamia" ARCO
tel 330536339

l’Oratorio S. Gabriele, via Pomerio, 15, Arco (Tn)
Cell. 331 9498636

Leggi tutto!

The Assyrians of Paris

Peter Ahern

The shocking terrorist strikes in Paris on the evening of November 13 have caught the attention of the world. While political leaders send expressions of condolence and support to President Hollande and his nation, individuals with friends and family in Paris have been clambering to seek assurances of their safety.
I am a frequent visitor to Paris where I spent time as a student. Some of my student friends were Assyrians who lived in the neighborhood of Sarcelles, where two thirds of France's 16000 Assyrians are resident.
The Assyrian community in France represents the result of two major waves of immigration. The first influx followed the genocide of Armenians, Assyrians and Greeks by the Ottomans during the First World War. This second major wave of arrivals is far more recent, with many fleeing Iraq and Syria over the last decade because of rising persecution by Islamic radical groups. For decades France has been a place of refuge for Assyrians seeking relief from oppression.
Assyrians in Sarcelles have a flourishing community organization, the Union des Assyro Chaldeens de France (UACF). Established in January 1996, the UACF had various locations until a new center was opened in May 2012. The UACF center maintains a well-stocked library, provides classes in modern Assyrian (neo-Aramaic), offers tutorial support to the community's schoolchildren, assists newly-arriving members of the community who are struggling with French to complete needed forms, and runs its own football club.
The UACF seeks to maintain the unique identity of the local Assyrian population, to provide support in a wide range of ways, and to facilitate warm relations with the French majority community. It has been a happy relationship, with none of the kinds of uncomfortable interactions that has marked the relationship between the native French community and the Muslim minority.
It is by a strange irony that the Assyrian community in Sarcelles finds itself living in proximity to significant Muslim populations in neighboring towns, reflecting the reality of their original homes in the Middle East.
The Coordinator of the UACF Center, Mr Max Yabas, said in interview that generally the relationship between local Assyrians and Muslims has been cordial. "We have friends and neighbors with all other communities, including Jews and Muslims", he said. "There has never been a problem between the Assyrian community in France and any other community."
However, overall the Assyrians of Paris have felt an erosion of their sense of safety and security in recent years. Mr Yabas explained: "We certainly do not feel as safe today in France as we did in the 1990s. There are now many jihadists in France. We have the impression of being invaded by people who are extremists who at any moment can do something stupid."
Assyrians are reminded on a daily basis of such feelings of insecurity by the increasingly visible presence of the military in the streets. "We have a very large Assyrian church here that meets for worship three times per day," explained Mr Yabas. "There are soldiers placed in front of it for protection, as also occurs with the synagogues. For several years now we have not felt secure, because of the rising power of extremists here in France."
The tragic events of this last weekend have triggered strong feelings among local Assyrians. "The entire Assyrian community is hugely disappointed and angry with the French Government," declared Mr Yabas. "Government inaction has resulted in the problems in Syria and Iraq coming to France. The French authorities have been entirely reactive, not proactive. They have not anticipated, but waited until the problems were on their doorstep."
The Assyrians of Paris have themselves been proactive in trying to raise awareness among the French authorities, according to Mr Yabas. "We made public protests last year. We have issued press statements warning of the dangers. But the Government has been inactive."
The Assyrians of Sarcelles live only a 20 minute train ride away from the 10th and 11th districts of Paris, where some of the attacks occurred. Mr Yabas said with relief "I am involved in the group coordinating the community response to the attacks. Fortunately no Assyrians seem to have been among the victims."
This is very good news for the Assyrian community. But much more needs to be done for the community to regain the confidence and security that it felt in decades past.

Leggi tutto!

Gنardianes de la Fe: Spanish filmmaker documents abuse of Iraqi Christians

By Global Journalist
Nicole Osuna

If Aida had known the severity of the storm that was about to come down on Qaraqosh, she would have fled her home at the same time that most other Christians in the northern Iraqi city left. Qaraqosh, a settlement of about 50,000 that lies 20 miles east of Mosul in the province of Nineveh, has long been considered the capital of Iraq’s Christian minority.
But in August of last year, the Kurdish militia defending the town from the Islamic State withdrew. Tens of thousands of Iraqi Christians and other minority civilians evacuated, many of them in a desperate flight east towards Erbil, the capital of Iraq’s Kurdish region. But Aida and her family stayed behind, hoping the situation might improve.
Yet after ISIL fighters occupied the city, they were soon threatened with execution if they did not convert to Islam. After two weeks, her family was given the chance to leave. But as Aida was readying to depart Qaraqosh on a minibus, her three-year-old daughter Cristina was taken from her arms by a fighter from the Islamic State. When Aida refused to depart without her daughter, they threatened to kill her and her husband.  

Stories like Aida’s were what inspired Spanish filmmaker Alfredo Panadero to make the documentary “Guardians of Faith” with five colleagues. The group spent three weeks in Iraq’s Kurdish region interviewing Christian families forced from their homes.
Panadero spoke with Global Journalist’s Nicole Osuna about the making of the documentary.
Global Journalist: Why did you choose Iraq as the setting for the documentary?
Alfredo Panadero: We were very influenced by the testimony of Douglas Bazi, who is an Iraqi priest from Baghdad. He endured a kidnapping in 2006, in which he was tortured for nine days by a Shiite terrorist group. For five of those days he didn’t have anything to eat or drink … Iraq is a place where in the past year, Christians had to flee out of Mosul and other cities due to the spread of the Islamic State.The idea was to go where things were happening; we felt that there were many stories that had to be told.
GJ: Did you feel threatened at some point when you were filming?
Panadero: We were told to be very careful in terms of the places we were going and the people we were talking with, how much time we could spend on the streets. We were careful. But no, we went to two war fronts and there wasn’t an issue. We also went to an area outside the Kurdistan region that’s called  Kirkuk. It is a city where there are current cells of the Islamic State.
GJ: What effect do you think the Islamic State has had on the region you were in?
Panadero: First of all, I would like to say that as the days pass, I see less reasons to keep calling the group “ISIS” (Islamic State of Iraq and Syria). The group does not want to stay in Iraq and Syria, they are actually aiming for Europe and they have already started to attack Europe. They are truly aiming to affect Western society in general.
Daesh [an Arabic acronym for the Islamic State] has changed the lives of these people because they have been forced to flee to avoid having to renounce their Christian faith, which is an example of courage, profound coherence and faith. Many of these Christians continue trusting God and maintaining their faith. Nevertheless, it is true we met people who were in a very difficult physical and psychological state that have lost all hope and that want to leave their country.  
GJ: Do you think the stories you heard correspond with what’s been reported in international media outlets?
Panadero: To tell you the truth yes and no.
On June 10, 2014, [Spanish newspaper] El Mundo published that Muslims in the city of Mosul had opened the doors for the Islamic State – which is true – but what they failed to mention was that they also sold out the Christians living in the area. They went to Christian homes to threaten them by saying that if they didn’t leave they [the Christians] would be killed by Daesh or them [the Muslims]. I think that the issue is not sufficiently reported by international media outlets and what is reported is very superficial and doesn’t do justice to the current situation.

Leggi tutto!

venerdì, novembre 20, 2015


A regional strategy to prevent and counter incitement to violence that could lead to atrocity crimes

The Chaldean Archbishop Habib Jajou joined thirty religious leaders during two days in Amman, Jordan between 11 and 12 November 2015 on behalf of his beatitude Mar Louis Sako the Chaldean Patriarch.
The leaders worked ‘to develop a regional strategy to prevent and counter “hate speech” and incitement, in particular incitement to hatred and violence. They committed to work individually and collectively to take the strategy forward.’
The meeting was organized by the United Nations Office on Genocide Prevention and the Responsibility to Protect, Columbia Global Centers | Middle East (Amman) and Columbia Global Freedom of Expression.
Below the leaders’ proposals as were published in the Columbia University Website:
• Establish a network of religious leaders from different religions and faiths to advise on and act to prevent and counter incidents of incitement in the region
• Increase the awareness of State authorities of the challenges and the measures that could be taken
• Invest in education, in general, and education of religious leaders, in particular
• Train religious leaders and inter-faith actors on the effective use of social media to reach a wider audience and multiply the impact of their messages
• Use intra and inter-faith dialogue to respond to acts of incitement
• Recruit and train youth ambassadors who can support and multiply initiatives through the social media
• Express solidarity with the victims of incitement to violence.
“The readiness of all religious leaders gathered here in Amman – who come from different countries and have different faiths and beliefs – to work together to deal with this challenge is truly impressive. I commend their commitment and their willingness to act, and look forward to seeing the results of this meeting,” noted Adama Dieng, United Nations Special Adviser on the Prevention of Genocide. “States are responsible for the protection of their populations, but everyone has a role to play. Given their spiritual leadership and influence, religious leaders have a special responsibility and their engagement is essential to prevent and counter incitement to violence that could lead to atrocity crimes”
“Religious leaders have clearly committed to play a fundamental role in responding, countering and preventing incitement to hatred that may lead to violence or discrimination. They have done so in recognition of the universal necessity to defend and protect believers of all faith, and non-believers; freedom of religion and equal citizenship. The discussions during these two days have highlighted the courage of those who take a stand to counter incitement to hatred, sometimes at great risks to their own lives or wellbeing. The outcome demonstrates well the importance of defending freedom of expression and increasing civic space to amplify the voices and impact of those who are at the front line in countering incitement to hatred” concluded Dr. Agnes Callamard, Director of Columbia Global Freedom of Expression.

Leggi tutto!

«Se l’Occidente non reagisce, subirà una sorte peggiore di quella di noi cristiani iracheni» Leggi di Più: «Se l’Occidente non reagisce, subirà una sorte peggiore di quella di noi cristiani iracheni»

By Tempi
Leone Grotti

È stato per quattro anni vescovo di Mosul, dal 2010 al 2014. Poi è arrivato l’Isis. Cacciato dalla sua terra come tutti gli altri cristiani iracheni, ha vissuto da profugo in Kurdistan, a Erbil, fino a quando non è stato inviato a maggio a Sydney a dirigere l’eparchia cattolica caldea in Australia. Così, dopo aver conosciuto (fin dalla nascita) la società islamica, ora monsignor Amel Nona, 48 anni, ha avuto un assaggio della vita in una società occidentalizzata. Ecco perché è l’interlocutore perfetto per parlare della strage di Parigi, che ha messo in luce la crisi tanto dell’islam quanto dell’Occidente.
Nona, si aspettava un attacco a Parigi di queste proporzioni?
Certo che me lo aspettavo e l’ho anche predetto. Due settimane dopo essere stato cacciato da Mosul ho dichiarato in un’intervista: se l’Occidente non reagisce, subirà una sorte peggiore della nostra. Non poteva accadere altrimenti.
All’inizio lo Stato islamico era composto da 1.000-2.000 uomini e poteva fare ben poco. Ma 30-40 paesi dell’Occidente, in modo per me inspiegabile, hanno permesso che conquistassero metà Siria e metà Iraq senza fare nulla.

Ci sono stati i bombardamenti.
Appunto, bombardare è come non fare niente. Lo Stato islamico è furbo, è abituato a vivere combattendo. La cosa incredibile è che neanche dopo l’attacco di Parigi agite: gli avete lasciato campo libero prima e ora continuate ad accettare che i paesi della Regione li finanzino e armino perché ci sono tanti interessi economici. Ci sono domande che non trovano risposta.
Quali domande?
Dov’erano i governi dell’Occidente quando migliaia di giovani entravano in Siria per combattere? Volete farci credere che le cose che in Iraq tutti vedevamo, in Occidente i governanti non le conoscevano? Non avete fatto niente, ma ora pagate tutto.
Lei è nato in Iraq e conosce l’islam da sempre. Come mai la religione di Maometto presta sempre il fianco a movimenti fondamentalisti?
Perché nel Corano ci sono versetti che istigano alla violenza: spiegano che tutti i non musulmani sono infedeli e bisogna ucciderli o convertirli all’islam. Il problema sta in quei versetti che dicono chiaramente queste cose. Definire un uomo “infedele” nella lingua araba è molto pericoloso. L’infedele infatti è considerato così inferiore che un musulmano può fare di lui ciò che vuole: ucciderlo, prendere sua moglie, confiscargli figli e proprietà.
Quindi non c’è speranza di vedere un cambiamento?
Bisognerebbe spiegare meglio questi versetti, darne una interpretazione moderna. Nel VII secolo, magari, servivano per una situazione particolare ma oggi non si può prenderli alla lettera. Il problema è questo.
L’idea di interpretare il Corano non va molto di moda nell’islam.
No, perché i musulmani vedono il Corano come una cosa eterna. Per loro non è una cosa scritta in un tempo preciso ma un testo eterno, che si trova da sempre con Dio in cielo, e che a un certo punto della storia è stato inviato a Maometto. Quindi i versetti non si possono spiegare o interpretare o passare al vaglio della ragione.
Un imam francese ha detto che l’islam di oggi sta vivendo una «crisi della ragione».
È vero ma non solo l’islam di oggi. Sono tanti gli intellettuali musulmani che lungo la storia di questa religione hanno cercato di interpretare alla luce della ragione il Corano. E tutti sono stati o perseguitati o uccisi.
I musulmani a Sydney sono diversi da quelli che ha conosciuto in Iraq?
Sì. I musulmani che stanno qui, come quelli che si trovano in America o Europa, sono molto più fondamentalisti. Quando arrivano nel mondo occidentale, infatti, si radicalizzano perché sentono che tutto il mondo e la modernità è contro la loro mentalità, contro l’islam. Perciò sono più aggressivi, più irascibili. Il problema non è pensare che la propria religione sia l’unica vera, ma volerla imporre con la violenza.
Dev’essere stato difficile passare da una società islamica a una occidentalizzata.
È tutto diverso. Qui c’è libertà di agire, pensare, parlare e tutte queste cose non esistono nella società islamica. Non dico nei paesi islamici, perché magari in alcune dittature laiche si vive più o meno bene e alcune libertà ci sono. Ma in sé la società musulmana veicola una mentalità unica e se una persona va contro quello che dice l’islam è considerato sbagliato. Anche qui però non è tutto rosa e fiori.
A che cosa si riferisce?
La società occidentale è in crisi ed è una crisi di valori. Voi state perdendo i valori fondamentali della vita e questo vi rende deboli, impauriti, assolutamente incapaci di affrontare una crisi grave come quella di oggi. I terroristi sono una minoranza, i musulmani nei vostri paesi anche, eppure vi stanno facendo paura.
Qual è la causa secondo lei?
State ripudiando i valori che hanno costruito la vostra società, i valori cristiani. Avete puntato tutto sulla libertà, che è e resta importante, ma senza la verità rimanete indifesi davanti a quello che sta succedendo. Non si possono ripudiare duemila anni di storia, preservando solamente la libertà, perché poi la conseguenza è che otto terroristi fanno un attentato e milioni di persone sono impaurite e non riescono a reagire.
Voi cristiani in Iraq siete sempre stati una minoranza. Avevate paura?
A Mosul c’erano 400 famiglie cristiane e tre milioni di musulmani. Tutta la società era contro di noi, aggressiva, piena di terroristi, piena di persone che volevano ucciderci. Ma noi eravamo felici perché avevamo la fede, che mostravamo con coraggio e gioia, e loro non potevano farci niente. Sì, ogni tanto uccidevano due o tre cristiani, ma ci rispettavano perché sentivano che eravamo forti, anche se pochi.
Cosa vi rendeva forti?
Noi sapevamo che con la fede si può andare incontro a tutto ed è quello che facevamo, con gioia affrontavamo ogni crisi. E i terroristi temevano e temono la nostra fede. I cristiani iracheni, con coraggio, hanno preferito perdere tutto, case, proprietà, terre, chiese, solo per un motivo: per non perdere la fede. E questo ai terroristi ha fatto male.
Se dovesse dire una cosa che manca alla società occidentale?
Direi che qui non c’è gioia, non c’è felicità. C’è la libertà ma non c’è nient’altro. Vi siete concentrati solo sulla libertà e avete perso tutto il resto. Anche la Chiesa, devo dire, dovrebbe essere più felice.
Lei ora vive in questa società. In Australia ci sono 50 mila cristiani caldei. Qual è il compito di un cristiano?
Mostrare che noi siamo felici nella nostra vita, dobbiamo essere più attivi nella nostra missione all’interno della società. Non bisogna solo cambiare mentalità, ma anche le leggi sbagliate. Penso che si possa fare molto.

Leggi tutto!

Iraq. Kurdistan: giornata della tolleranza per cristiani e musulmani

Una “Giornata della tolleranza” è stata celebrata ieri a Erbil, capitale del Kurdistan iracheno, su iniziativa di organismi locali e internazionali, a partire dalla missione Onu in Iraq. Il meeting, svoltosi nella sala conferenze Abdullah, è stato scandito da interventi e relazioni incentrati sulla promozione del rispetto e del dialogo tra fedi religiose e culture differenti, come antidoto alla convulsioni e ai conflitti settari che stanno dilaniando il Medio Oriente. Tra gli altri, hanno partecipato all'incontro anche mons. Bashar Warda, arcivescovo caldeo di Erbil, e Nechirvan Barzani, Primo Ministro della regione autonoma del Kurdistan iracheno , insieme a un folto gruppo di parlamentari e di leader delle comunità cristiane e islamiche della regione.
Tutelare e garantire la convivenza civile tra gruppi etnici e religiosi

La conferenza è servita a ribadire la necessità di tutelare e garantire, con appropriati strumenti legislativi, la convivenza civile tra gruppi etnici e religiosi e la piena uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, combattendo nel contempo le derive settarie attraverso la cura dell'educazione impartita nelle scuole alle giovani generazioni. 

Leggi tutto!

mercoledì, novembre 18, 2015


Seven Iraqi christian sank on their way to Greece for the purpose of immigration


Today, on this Tuesday November 17, 2014 we are reporting with deep sadness and heavy hearts the loss of 7 innocent Iraqis whom they lost their lives drowning in the Aegean Sea near Turkey and Greece Islands. They are Christians from the heartland of Christianity in Nineveh Plain-Iraq who became victims of Islamists-ISIS’ brutal terror and horific displacement from the town of Qaraqosh. They are also victims of lost hope and desperation trying to reach the land of peace and freedom after they learned of their destiny due to the ominous news that the U.S. and other Countries are shutting their gates for refugees like them even though they are innocent faithful people and are victims of the terror itself.

Leggi tutto!

Patriarca Younan: L’Isis non si sconfigge con i raid, l’Occidente ha tradito i cristiani

By Asia News
Rafic Greiche

 I terroristi del cosiddetto Stato islamico “sono già infiltrati nelle popolazioni europee. Per anni hanno ricevuto soldi, armi e indottrinamento religioso dall’Arabia Saudita e dai Paesi del Golfo, con la supervisione dell’Occidente. Dire che la soluzione è quella dei raid aerei [in Siria e in Iraq ndt] è una bugia”. Lo dice il patriarca della Chiesa siro-cattolica Mar Ignace Youssif III Younan a “Le Messager”, organo di stampa della Chiesa cattolica in Egitto.
In una lunga intervista, il patriarca accusa i governi occidentali di voler “mantenere il conflitto infinito in Siria” e di aver “tradito i cristiani d’Oriente. Avevamo spiegato sin dall’inizio che la nostra situazione era diversa da quella delle altre nazioni della regione, non ci hanno ascoltato. E ora piangiamo cinque anni di morti”.
Di seguito l’intervista completa, traduzione in italiano a cura di AsiaNews.

Beatitudine, qual è la situazione dei siriani, e in modo particolare dei cristiani?

Al momento la situazione in Iraq e Siria è drammatica, e tutto il popolo siriano vive nel dolore. Noi, come pastori, dobbiamo essere vicini al nostro popolo e aiutarli al massimo delle nostre possibilità. I siro-cattolici (così come le altre chiese tipo i caldei, gli assiri e i siro-ortodossi) hanno vissuto per secoli nella parte orientale della Siria, nei pressi del fiume Rafi Din. Ma non ci eravamo mai spostati nella parte occidentale o in Libano come in questi giorni. La nostra presenza andava anzi verso Iran, Afghanistan e India. Le colline afghane note come Tora Bora prendono il nome da un termine siriano che significa ‘le colline più scure’.
Oggi siamo intrappolati in una situazione terribile: sciiti e sunniti, problemi settari ed etnici, gang criminali chiamate Isis e altri gruppi terroristici che usano l’islam come un pretesto per “purificare” in nome della religione le aree sotto il loro controllo, e studiosi musulmani che ci dicono che l’islam è estraneo a questi fatti
Noi cristiani non siamo in grado di vivere in questo caos che produce milizie, bande armate, gruppi terroristi e partiti islamici. Ma quando manteniamo una posizione ferma contro questi fenomeni, allora l’Occidente ci accusa di essere dittatoriali. Eppure nella storia non importa se vi è un califfo, un re, un emiro, un principe o un presidente della Repubblica; almeno fino a quando questi garantisce pace e sicurezza alle minoranze.
Quando il caos è scoppiato, dopo l’invasione dell’Iraq nel 2003 fino a oggi, abbiamo capito l’orrore di questa situazione. Le democrazie occidentali che hanno cospirato contro la Siria hanno prodotto la distruzione dell’infrastruttura della nazione, la demolizione di case, città, villaggi, monumenti e siti archeologici. Questo è il risultato di una politica non saggia e di una cospirazione, con il pretesto di portare la democrazia nella regione.
Le nostre nazioni non accettano con facilità la democrazia perché non esiste una reale separazione della religione dallo Stato. Le minoranze implorano per avere una rappresentanza davanti alla maggioranza musulmana, e si sentono come immigrati in terra straniera. Noi cristiani siamo in queste terre da migliaia di anni, molto prima dell’islam. I politici dell’Occidente – e in particolare quelli di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia – sono in favore di un conflitto senza fine in Siria e Iraq. Questo ha prodotto gruppi di terroristi e di ‘takfiriin’ [coloro che condannano gli altri per apostasia-ndr] e i media occidentali rimangono in silenzio, in modo complice e codardo. Non si tratta di difendere la verità e la giustizia: si inginocchiano davanti a chi paga e restano zitti.
Tutti i patriarchi orientali, me compreso, hanno parlato con chiarezza all’Occidente sin dall’inizio: “State attenti, la situazione della Siria non è come quella egiziana, tunisina o libica. È molto più complessa, e un conflitto creerà soltanto caos e guerra civile”. Non hanno ascoltato e hanno risposto: “No, il regime degli Assad cadrà in pochi mesi”. Cosa che non è accaduta, come avevo predetto. E cinque anni dopo un popolo innocente, e in modo particolare i cristiani, non trova più nessuno per sostenerlo. L’Occidente ci ha traditi.
Come legge la questione del flusso di migranti verso l’Europa?
Più di due mesi fa, il mondo si commosse davanti alla fotografia del piccolo Aylan, morto sulle coste turche con la sorella e la madre. Ma i governi occidentali hanno un’altra agenda, in particolare la Turchia che ha cambiato la sua politica nei confronti dei migranti quando ha capito che le Nazioni Unite e l’Unione Europea non l’avrebbero aiutata in modo sufficiente. E quando la signora Merkel ha annunciato che la Germania avrebbe accettato 800mila migranti.
In questo modo il flusso di migranti è aumentato, così come sono aumentati coloro che viaggiano con documenti falsi o in altri modi illegali per raggiungere la Germania o le altre nazioni europee. Non si tratta soltanto di siriani: sono aumentati anche coloro che provengono da altre nazioni.
Oggi le varie parti del mondo sono divenute molto più vicine le une alle altre. Non si può pensare di sconfiggere Daesh [termine arabo per lo Stato islamico ndt] con i raid aerei: questa è una grande bugia. Perché i loro sostenitori sono infiltrati nella popolazione, dove sono finanziati e ottengono armi e indottrinamento religioso. Per anni questi gruppi terroristici sono stati foraggiati dall’Arabia Saudita e dalle Nazioni del Golfo sotto la supervisione dell’Occidente. Ora i siriani chiedono alla Russia di intervenire, sulla base di un accordo di coordinamento militare. Il governo siriano è il governo legittimo, riconosciuto dalle Nazioni Unite. Dobbiamo essere pratici: soltanto l’1% dei cittadini iracheni è ormai di religione cristiana. Se scappano anche questi, la nostra presenza svanirà. Non abbiamo bisogno di parole ma di atti.
Ha speranza nei colloqui di Vienna?
La speranza c’è, ma non so quanto durerà. Distruggere è facile, mentre costruire è difficile. Negli ultimi cinque anni abbiamo avuto soltanto distruzione e migrazione forzata, e ci vorrà tempo per ripartire. Spero che questi colloqui si concludano nel miglior modo possibile.
Lei ha partecipato a Roma al Sinodo sulla famiglia. Sua Santità papa Francesco è addolorato per quello che accade ai cristiani orientali…
Sì, Sua Santità il papa – come vescovo di Roma, successore di san Pietro, capo della Chiesa cattolica e vertice della maggiore comunità religiosa al mondo – è pieno di dolore per quello che accade in Oriente. E come “padre” del Sinodo ha emesso un accorato appello di solidarietà per i cristiani del Medio Oriente. Sua Santità è un difensore della giustizia, e ha suggerito che il Vaticano ospiti la prossima conferenza sul futuro dei cristiani orientali. È una vergogna che l’Occidente lasci i cristiani in questa situazione.

*direttore de “Le Messager” e portavoce della Chiesa cattolica egiziana

Leggi tutto!

Patriarca di Baghdad: Soddisfatti per le modifiche alla legge sull’islamizzazione dei figli

By Asia News
Joseph Mahmoud

“Esprimo grande soddisfazione per la decisione del Parlamento irakeno, che ha deciso di modificare”
il controverso articolo 26 della Costituzione, relativo alla islamizzazione dei figli. “Questa decisione mostra il sostegno ed è un messaggio importante per la minoranza [cristiana] Iraq. Ed è anch’esso un modo per dare prova di democrazia”.
Ad AsiaNews il patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako non nasconde la propria soddisfazione per la decisione dell’assemblea parlamentare di rivedere la norma che considera in automatico come musulmani i figli con almeno uno dei genitori di fede islamica. Ieri i deputati hanno votato una risoluzione che modifica la norma, accogliendo le istanze avanzate dai rappresentanti delle minoranze, guidati dalla comunità cristiana.

Nei mesi scorsi era stato presentato un emendamento che prevedeva che i minori restassero nella religione di nascita fino a 18 anni, per poi decidere in modo personale la loro fede. Ma a fine ottobre il Parlamento irakeno aveva respinto tale proposta, sollevando la protesta della comunità cristiana irakena e dei vertici della Chiesa caldea.

Lo stesso patriarca Sako aveva diffuso una nota durissima, in cui minacciava di portare la vicenda davanti al tribunale internazionale e di denunciare gli stessi parlamentari. I vertici della Chiesa caldea avevano anche promosso una protesta di piazza nei giorni successivi al documento, radunandosi davanti alla chiesa di San Giorgio a Baghdad; alla manifestazione hanno aderito anche i membri dell’Associazione caldea ed esponenti della comunità musulmana.

Con una votazione giunta ieri, il Parlamento irakeno ha quindi deciso di modificare l’art. 26 della Costituzione, con un parere favorevole espresso da 140 deputati su un totale di 206. La Camera ha dunque dato voce alle proteste di organizzazione civili e di alcuni colleghi parlamentari appartenenti alle minoranze, che si erano battuti con forza per l’approvazione dell’emendamento sulla “islamizzazione dei figli”.

Per la comunità cristiana irakena si tratta di un gesto di “giustizia” e “uguaglianza”, che mette davvero sullo stesso piano tutti i cittadini, oltre che un passo fondamentale nella direzione “della libertà e della democrazia in Iraq”. “Il patriarcato caldeo - si legge in una nota diffusa in queste ore - ringrazia tutti i parlamentari e quanti si sono spesi per la modifica di questo articolo ingiusto”.

Leggi tutto!

martedì, novembre 17, 2015


Arrivo del nuovo Nunzio Apostolico in Iraq

By Baghdadhope *

E' arrivato a Baghdad il nuovo Nunzio Apostolico per la Giordania e l'Iraq, mons. Alberto Ortega Martin, accolto all'aeroporto internazionale da un folto gruppo di religiosi e politici.
Tra i primi Mons. George Panamthundhil, segretario della nunziatura, il vescovo latino di Baghdad, Mons. Jean Sleiman, quello siro cattolico, Mons. Yousif Abba, quello armeno cattolico, Mons. Emanuel Dabaghian, il vicario patriarcale caldeo Mons. Basel Yaldo e Padre Robert Shahara.
Tra i rappresentanti delle istituzioni erano presenti Ahmad Berwari, ambasciatore dell'Iraq in India, la parlamentare irachena Safiya Taleb Ali al-Souhail e Ra'ad Kajaji, responsabile dell'ufficio governativo per gli affari delle minoranze cristiana, mandea, sabea e yazida.
Mons. Ortega Martin succede a Mons. Giorgio Lingua, ora Nunzio Apostolico a Cuba.
In una recente intervista Mons. Ortega Martin ha dichiarato di essere grato al Santo padre per la missione affidatagli che gli permetterà di imparare "molto da quei cristiani che sono magnifici testimoni della fede," di cui abbiamo il dovere di "mantenere la testimonianza" e per i quali è "molto importante dire loro che contiamo su di loro".
Oltre a ciò, ha ricordato il vescovo, "dobbiamo ricordare alle autorità civili le loro responsabilità; essi dovrebbero rendere possibile il ritorno dei cristiani nella loro patria: si tratta di un diritto, non di carità. Essi devono anche fare del loro meglio per dare loro buone condizioni di vita, un lavoro, una casa. Come gli altri cittadini, devono poter contribuire al bene del loro paese." 

Leggi tutto!

Avviata la modifica della legge sull'islamizzazione dei minori

By Fides

Il Parlamento iracheno ha votato oggi una risoluzione che dispone la modifica della legge sull'islamizzazione dei minori, il testo giuridico, fortemente contestato dalle minoranze religiose irachene, che di fatto imponeva il passaggio automatico alla religione islamica dei minori quando anche uno solo dei due genitori si fosse convertito all'islam. La risoluzione ha ricevuto l'appoggio di 140 parlamentari su 206. Il voto rappresenta una totale inversione di marcia rispetto agli orientamenti manifestati dalla stessa assemblea rappresentativa soltanto lo scorso 27 ottobre, quando lo stesso Parlamento aveva respinto a larga maggioranza la proposta di modifica della legge avanzata dai rappresentanti cristiani, ma sostenuta da parlamentari appartenenti a schieramenti diversi. In tale proposta, si chiedeva di aggiungere al paragrafo riguardante i minori della legge controversa una frase, allo scopo di affermare che nel caso di conversione all'islam di un genitore i minori rimanevano nella religione originaria di appartenenza fino ai diciotto anni, per poi scegliere la religione in piena libertà di coscienza (vedi Fides 28/11/2015).
Un ruolo decisivo nella svolta lo ha avuto il Presidente del Parlamento iracheno, Salim al-Juburi, che ha recepito le istanze contro la legge espresse con veemenza dai membri delle comunità irachene non musulmane, a cominciare dalla Chiesa caldea. Al-Jouburi, nel suo intervento, aveva ribadito l'intenzione della Presidenza del Parlamento di modificare la legge, per garantire ai membri delle comunità irachene non musulmane i dirinti di piena eguaglianza tra i cittadini che vengono tutelati dalla Costituzione.
Martedì scorso, 10 novembre, a Baghdad, una manifestazione di protesta contro i contenuti discriminatori presenti nella legge era stata convocata dal Patriarca caldeo Louis Raphael I, presso la chiesa caldea di San Giorgio, e aveva visto la partecipazione massiccia di cristiani e di membri di altre comunità religiose irachene non musulmane. 

Leggi tutto!

lunedì, novembre 16, 2015


Legge sull'islamizzazione dei minori. Forse un passo avanti.

By Baghdadhope*

Il 27 ottobre scorso il parlamento iracheno ha approvato una legge uno dei cui paragrafi, il 2 dell'articolo 26, ha suscitato non poche proteste tra le minoranze del paese, ben rappresentate dalle parole del patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako che ha minacciato di adire al tribunale internazionale perchè giudichi l'operato dell'Assemblea dei deputati  
Secondo il paragrafo in questione i figli minorenni di una coppia di cui anche solo uno dei componenti si converte all'Islam vengono automaticamente considerati e registrati come musulmani.
La proposta presentata dai rappresentanti delle minoranze di permettere ai figli minori di mantenere la propria religione almeno fino al compimento del 18° anno di età per poi lasciarli liberi di scegliere era stata rigettata e la legge approvata.
Ora, forse, secondo quanto riportato da, qualcosa sta cambiando.
Il presidente del Parlamento iracheno, Salim al-Jubouri,
incontrando alcuni rappresentanti politici delle minoranze, ha affermato che il parlamento potrebbe rivedere il paragrafo alla luce dei diritti delle minoranze e della stessa costituzione.
Costituzione che, come aveva fatto notare Mar Sako, era stata violata dall'approvazione della legge
considerando l'articolo 3: “L’Iraq è una nazione composta da etnie, religioni e denominazioni diverse”, l’articolo 37 comma 2: “Il Paese garantisce la protezione dell’individuo contro qualsivoglia coercizione dottrina, politica e religiosa”; e l’articolo 42: “Ciascun individuo possiede libertà di pensiero, di coscienza e di ideologia”.

Leggi tutto!

Iraq: Sako (patriarca Baghdad), “Porta misericordia sempre aperta”

By Sir

 Sarà un Giubileo vissuto nella memoria dei martiri quello che la Chiesa caldea si appresta a vivere. L’arcivescovo di Mosul Paolo Faraj Rahho, i padri Raghid Ganni, Wassim e Thair e tanti fedeli che hanno perso la vita per la  loro fede sono gli esempi che il patriarca caldeo di Baghdad, Louis Sako, addita nella sua lettera pastorale intitolata “La Misericordia è il cammino del cristiano” e diffusa ieri. 
“Per noi cristiani dell’Iraq il martirio è il carisma della nostra Chiesa – scrive il patriarca, da oggi in visita pastorale in Svezia dove vive una nutrita comunità caldea -; in quanto minoranza, siamo di fronte a difficoltà e sacrifici, ma siamo coscienti che di essere testimoni di Cristo e ciò può significare arrivare al martirio”. Per Cristo, secondo il patriarca, “bisogna andare sempre oltre, fino al sacrificio come hanno fatto i cristiani di Mosul e dei villaggi della piana di Ninive un anno fa 2014. Sono per noi un onore e un segno di generosità”. Molti di questi fedeli oggi sono accolti nel sobborgo cristiano di Ankawa, a Erbil, capitale del Kurdistan iracheno. È anche a loro, in questo Anno giubilare, che la Chiesa caldea si rivolgerà con una serie di iniziative in via di definizione. 
“Non vogliamo abbandonare la nostra patria svuotandola della presenza cristiana. L’Iraq – ribadisce Mar Sako – è la nostra identità. Abbiamo una vocazione, dobbiamo testimoniare la gioia del Vangelo. Siamo per servire tutti, cristiani e musulmani, anche questa è la nostra missione che è un impegno assoluto. Nelle circostanze in cui viviamo dobbiamo essere più attenti ai nostri fratelli e sorelle sofferenti, sfollati, emigrati, ai poveri, orfani e alle vedove, metterci a canto loro, essere presenti e vicini e accompagnarli con tutto ciò che abbiamo come forza e denaro e dare loro segni di speranza. Dobbiamo mostrare amicizia, solidarietà e sostegno ai nostri fratelli musulmani, collaborare con loro per una vita comune, in pace e in armonia. La nostra sofferenza comune diventa allora una forza affinché passi la tempesta. La porta della Misericordia deve essere sempre aperta!”.

Leggi tutto!

Chiese orientali: I governi del Medio Oriente non possono più garantire pace e sicurezza

Fady Noun

L’Assemblea dei patriarchi e dei vescovi cattolici in Libano (Apecl) ha reso pubblico, in un comunicato diffuso il 14 novembre, l’esito dei lavori della sessione annuale che si è tenuta dal 9 al 14 novembre, e focalizzati sulla “cooperazione pastorale fra le Chiese cattoliche in Libano”.
Al di là delle preoccupazioni di più stretta natura ecclesiale, la sessione dell’Apecl sembra essere stata dominata dai rovesciamenti geopolitici in corso e dalla notizia del terribile massacro di Parigi, sopraggiunta all’indomani dell’ecatombe di Bourj el-Brajneh (Beirut); due attentati rivendicati dal gruppo Stato islamico (SI), che i patriarchi e i vescovi hanno condannato senza mezzi termini. 
Relegati all’ultima parte del documento, i timori sulle questioni geopolitiche dell’Apecl si riflettono nel fatto che la sicurezza non è più alla portata degli Stati della regione. Ed è per questo che l’Apecl ritiene che “la sicurezza regionale è diventata ormai responsabilità internazionale”.  
Condannando le violenze di cui sono oggetto i cristiani e le altre minoranze in Siria e in Iraq, l’Apecl preme sulla comunità internazionale e le grandi potenze mondiali perché mettano fine alla guerra e giungano a "soluzioni pacifiche" ai conflitti, “nel rispetto del diritti internazionale che assicuri i diritti dei popoli e degli Stati e garantire la loro integrità territoriale”. Una chiara allusione al progetto di divisione della Siria, avversato con forza da tutte le Chiese orientali.
Al contempo, nella sua omelia domenicale il patriarca maronita, card Béchara Raï, ha condannato con fermezza gli attacchi terroristici che hanno colpito Beirut e Parigi, deplorando anche il fatto che certe nazioni sostengano “finanziariamente e moralmente” i gruppi terroristi.
Il capo della Chiesa maronita fa anche riferimento alla doppiezza di certi Stati della regione, i cui rapporti con i gruppi estremisti islamici violenti sono quantomeno ambigui.

Problemi pastorali
Sul piano della “collaborazione pastorale tra le Chiese orientali” in senso stretto, il rapporto afferma che i partecipanti hanno “fatto delle proposte concrete volte a rafforzare [questa collaborazione], finalizzate a istituire meccanismi concreti di lavoro per rafforzare la comunione fra le Chiese”. 

Tuttavia, su queste proposte concrete non vi sono al momento elementi di maggiore chiarezza. La dimensione sociale dell’enciclica “Laudato Sì” esaminata dall’Assemblea è del tutto ignorata a favore del suo piano ambientale, come testimonia il fatto che lo studio di questa enciclica è stato affidato alla “Commissione salute dell’Apecl, che diventa al contempo Commissione salute e ambiente”.
Detto questo, l’Apecl assicura che sono state allertate le prestazioni delle congregazioni religiose nelle aree scolastiche e ospedaliere, così come quelle di Caritas Libano; al contempo, si chiede allo Stato di assumersi le proprie responsabilità in tema di sociale, tra cui il pagamento degli arretrati alle scuole libere.
Infine, riguardo al motu proprio sulla riduzione e la personalizzazione della procedura di dichiarazione di nullità di un matrimonio, l’Assemblea ha ascoltato le spiegazioni del decano del tribunale della Sacra Rota romana Pio Vito Pinto. Queste disposizioni saranno applicate nei tribunali e dai vescovi interessati, a partire dall’8 dicembre prossimo, data di inizio dell’Anno della misericordia.
Sul versante interno, l’Apecl si mostra soddisfatto per lo svolgimento della sessione legislativa del Parlamento, che si è tenuta il 12 e il 13 novembre scorso, la quale ha sottolineato che “questa Assemblea non può legiferare durante la vacanza della carica presidenziale”. In poche parole, che l’eccezione non possa diventare la regola. Infine, la relazione insiste sulla necessità di eleggere un nuovo presidente della Repubblica quale “preambolo necessario del processo che porta al bene comune”. 

Leggi tutto!

venerdì, novembre 13, 2015


Un asilo, un centro di formazione linguistica e professionale per gli sfollati

By Fides

La violenza delle milizie dei terroristi ha aggravato una situazione già molto critica in Iraq, provocando la fuga di decine di migliaia di persone dalla piana di Ninive verso il Kurdistan iracheno. Nella capitale Erbil vivono oggi circa 250 mila sfollati e profughi di diversi gruppi etnici: accanto alla popolazione curda ci sono inoltre sfollati iracheni e rifugiati siriani. Per permettere a queste famiglie di recuperare almeno un po’ di normalità, in una situazione segnata profondamente da provvisorietà e disagio, nel 2015 la Fondazione AVSI ha aperto un asilo, gestito da una comunità di suore domenicane, che accoglie circa 130 bambini ed è situato a Ozal City. In questa località vivono 1200 famiglie, delle quali oltre 900 sono cristiane, altre sono yazide e altre ancora musulmane, tutte fuggite dalla violenza dell’ Isis.
L’asilo è composto da quattro classi di 30 bambini ciascuna; per ogni classe ci sono due insegnanti, a loro volta fuggite dai villaggi occupati dall’ Isis dove lavoravano come maestre. A Erbil, inoltre, AVSI punta ad avviare le attività di un centro di formazione linguistica e professionale. Il centro è fondamentale per ampliare le possibilità lavorative dei profughi, abbattere le barriere linguistiche e promuovere il dialogo tra rifugiati e comunità ospitante in un contesto in cui la popolazione locale parla prevalentemente il curdo, lingua ufficiale del Kurdistan, mentre i profughi provenienti dall’Iraq e dalla Siria parlano l’arabo, i cristiani prevalentemente l’aramaico, mentre esistono altre minoranze etniche che parlano l’azero o l’armeno.

Leggi tutto!

Iraq, il patriarca caldeo contro la legge sull’islamizzazione dei figli con meno di 18 anni

Daniele Rocchi

Una legge, approvata dal Parlamento iracheno, obbliga i minori di 18 anni ad abbracciare in modo automatico la religione musulmana, nel caso in cui anche solo uno dei due genitori decida di convertirsi all’islam. Una norma che, per il patriarca caldeo Louis Sako, lede il diritto alla libertà religiosa. Bocciato l’emendamento che introduceva la possibilità di scegliere la propria fede al compimento del 18esimo  anno di età. Il Patriarca intenzionato, in caso di applicazione della legge, a citare l’Assemblea dei deputati dinanzi “al tribunale internazionale”.  
È fissato per questa mattina (10 novembre) l’incontro tra il patriarca di Babilonia dei Caldei nonché presidente della Conferenza episcopale irachena, Louis Sako, e il capo del Tribunale supremo dell’Iraq – massima istituzione giudiziaria del Paese – Madhaat al Mahmoud. Al centro dell’incontro la legge sull’islamizzazione dei figli che obbliga i minori di 18 anni ad abbracciare in modo automatico la religione musulmana, nel caso in cui anche solo uno dei due genitori decida di convertirsi all’Islam. Una norma che, per il patriarca, lede il diritto alla libertà religiosa. Per contrastarla nei mesi scorsi la Chiesa irachena, insieme a diversi musulmani e ong impegnate nel campo dei diritti umani, avevano presentato un emendamento che prevedeva che i minori restassero della religione di nascita, per poi decidere in modo autonomo al compimento del 18esimo anno di età. Emendamento bocciato a fine ottobre dal Parlamento con 137 voti e solo 51 favorevoli. “Lo scorso 5 novembre ho incontrato il presidente iracheno Fouad Masoum – riferisce il patriarca caldeo al telefono da Baghdad – che ha riconosciuto alcune violazioni costituzionali nella norma introdotta e ha assicurato ogni sforzo per trovare una soluzione  realistica a questo problema. Stasera nella chiesa caldea di san Giorgio a Baghdad si terrà una manifestazione di protesta da parte di gruppi cristiani, yazidi e sabei”.
“In caso di applicazione di questa legge –dichiara il patriarca Sako – faremo sentire la nostra voce a livello internazionale e faremo in modo che l’Assemblea dei deputati debba rispondere per questo al tribunale internazionale”.

Duplice opposizione.
L’opposizione del Patriarca a questa legge è di natura teologica e storica. “Essa – spiega in una nota – paventa una procedura  fra le più discriminatorie in assoluto perché mostra una totale indifferenza verso i valori della civiltà irachena e nei confronti di quanti sono considerati fra i primi cittadini di questo Paese” vale a dire i cristiani. “Tutto questo è una minaccia all’unità della nazione, così come all’equilibrio sociale, al pluralismo religioso e al principio che prevede di accettare l’altro nella sua diversità, con la sua situazione peculiare e la vita in comune”.
La scelta del Parlamento di votare una legge simile, per Mar Sako,“è contraria al Corano stesso,

che indica in più di un versetto che non vi è alcun obbligo nell’abbracciare una fede religiosa. Tutto questo contrasta con il pensiero dei più grandi teologi musulmani, fra i quali Mostafa al Zalmi”.
Ma non basta. Questa legge “calpesta anche più di una norma della Costituzione irachena, come gli articoli 3, ‘l’Iraq è una nazione composta da etnie, religioni e denominazioni diverse’, 37 (comma 2), ‘il Paese garantisce la protezione dell’individuo contro qualsivoglia coercizione dottrina, politica e religiosa’, e 42, ‘ciascun individuo possiede libertà di pensiero, di coscienza e di ideologia’. E dal momento che facciamo parte della comunità internazionale, questa legge è contraria alle norme sui diritti dell’uomo e ai trattati internazionali”.

Non vincolare la religione.
La strada da percorrere, ribadisce il patriarca caldeo, è quella di “rivendicare il principio secondo cui il minore deve mantenere la propria religione di appartenenza per poter decidere liberamente la propria fede, secondo le convinzioni personali, al raggiungimento della maggiore età. Del resto la religione è un aspetto che riguarda solo la relazione fra Dio e l’uomo, e non deve essere vincolata ad alcun obbligo”.
Dal canto loro, sottolinea il patriarca nella nota, i parlamentari farebbero bene a preoccuparsi che un individuo diventi  un buon cittadino piuttosto che immischiarsi nella sua fede religiosa.

Per questo noi ci appelliamo al presidente della Repubblica d’Iraq, Fouad Masoum, perché rispedisca la legge alla Camera dei Deputati affinché sia modificata; al tempo stesso, esortiamo i deputati ad assumersi le loro responsabilità, perché creino davvero condizioni di giustizia e di uguaglianza fra tutti i cittadini iracheni”. Diversamente “faremo sentire la nostra voce” a livello globale, fino a citare l’Assemblea dei deputati davanti “al tribunale internazionale”.

Leggi tutto!

mercoledì, novembre 11, 2015


Islamizzazione minori. Patriarca Sako : libertà e non più Stato teocratico

“I tempi sono cambiati, uno Stato teocratico in Iraq non ha più ragione di esistere quindi anche le leggi vanno modificate”.
E’ determinato il patriarca caldeo di Baghdad, Louis Raphael Sako, nel chiedere al parlamento e se necessario alle autorità internazionali di modificare la legge che impone ai minori la religione musulmana nel caso in cui anche un solo genitore sia fedele all’Islam. L’emendamento, presentato per concedere libera scelta almeno ai 18 anni, è stato bocciato. Così, dopo un colloquio col Presidente iracheno che oggi riunirà il parlamento, il patriarca Sako ha organizzato ieri una grande manifestazione per rivendicare libertà religiosa, giustizia e uguaglianza insieme ai rappresentanti di diverse comunità e deputati che non sono d'accordo con la legge.
Le sue parole nell’intervista di Gabriella Ceraso

Questa legge è inaccettabile oggi, con i diritti dell’uomo, la libertà religiosa... Lo stesso Corano dice che non si può forzare la gente alla religione. Questi deputati devono impegnarsi nel servizio per la pace, per la stabilità, e anche nei servizi, nelle infrastrutture, e non per creare leggi contro la libertà. La libertà è per tutti e, dunque, devono rispettarla. Ieri la Chiesa era piena, piena: musulmani, cristiani... Proprio due donne musulmane hanno detto che questa legge farà male all’Iraq: l’unica cosa che noi dobbiamo salvaguardare oggi è l’identità nazionale, la cittadinanza. E credo che ci siano segni di speranza.
Secondo lei, perché nonostante questo sentire comune, nonostante ciò che è scritto nel Corano – ciò che è anche il pensiero dei grandi teologi musulmani, oltre alle norme costituzionali – il parlamento comunque ha deciso in questo senso?
Penso ci sia un movimento estremista religioso oggi nel mondo arabo. L’islam vive oggi una crisi, un po’ dappertutto. Daesh, al Qaeda, ma anche la gente, hanno un concetto religioso molto, molto chiuso. Se loro non arrivano a una spiegazione moderata, aperta, aggiornata – vi dico la verità – sento che non hanno futuro. L’islam, dunque, deve essere aggiornato. Creare anche regimi basati su un’unica religione, è una discriminazione. Si può lasciare la libertà religiosa e non mettere la religione sui documenti ufficiali, come hanno già fatto la Tunisia e l’Autorità palestinese.
Che cosa intende fare se non dovesse ricevere ascolto, neanche dal Presidente della Repubblica?
Io avvierò un processo contro il parlamento iracheno, arriverò al Commissariato dei diritti umani, a Ginevra, e poi anche al Tribunale internazionale. Vediamo, ora consulterò i giuristi e faremo un comitato per preparare bene la cosa.
Qualcuno potrebbe dire: ma è una legge che c’è da 20 anni, perché decidere di cambiarla ora?
Il mondo è cambiato, c’è una nuova cultura e c’è più libertà in Iraq. Prima c’era la dittatura, oggi possiamo manifestare nelle strade, criticare. Ogni venerdì, ci sono manifestazioni qui a Baghdad e dicono di volere un regime secolare e la gente che manifesta è musulmana, non è cristiana. Oggi, dunque, è tutto cambiato: la Costituzione è cambiata e quindi devono cambiare tutto. Il dovere del governo non è quello di mettere barriere fra la gente o i cittadini, ma è di costruire una società secolare, con tanta dignità e libertà. Non possiamo vivere in uno Stato teocratico come nel VII secolo, non è accettabile oggi.
Questo, è un grande cambiamento, lei ne è cosciente?
Sì, molto. Oggi, la violenza in Medio Oriente è diventata un fenomeno: guerra in Siria, in Iraq, in Libia, in Yemen. In Libano non c’è ancora un presidente. Penso che la spinta debba essere locale, regionale, ma anche internazionale. 

Leggi tutto!

Baghdad, cristiani e musulmani in piazza contro la legge sull'islamizzazione dei figli

By Asia News
p. Sakvan Matti

Rispondendo all’appello lanciato dal patriarca Mar Louis Raphael Sako, il Consiglio diocesano di Baghdad ha promosso nella serata di ieri una protesta pacifica contro il famigerato articolo 26 della Costituzione, relativo alla “islamizzazione dei figli”. La manifestazione si è svolta nella locale chiesa di San Giorgio e ha ricevuto il sostegno dell’Associazione caldea, che ha subito aderito all’iniziativa.
Alla protesta erano presenti sua Beatitudine, i rappresentanti delle comunità cristiane e le organizzazioni della società civile, esponenti dei media e un nutrito gruppo di cittadini, cristiani e musulmani.  
La protesta promossa dalla Chiesa caldea è iniziata con l’esecuzione dell’inno nazionale, cui è seguito l’intervento del patriarca. 
Rivolgendosi ai presenti, Mar Sako ha sottolineato che “la libertà è per tutti, compresa la libertà di religione” e “non vi può essere una assegnazione obbligatoria per legge della fede, che è una grazia di Dio”. Il messaggio delle religioni, i comuni valori dell’uomo e i diritti di base “garantiscono le  libertà naturali e giuridiche”. Per questo “l’approvazione del Parlamento irakeno della Carta nazionale unificata - con atto del 27 ottobre 2015 - è una coercizione verso i minori cristiani, yazidi e sabei” al di sotto dei 18 anni, costretti a “convertirsi alla religione musulmana, quando uno dei due genitori decide di proclamare ufficialmente di essere musulmano (art. 26/II). Tutto questo “è in contrasto con i valori dei cittadini” prosegue il leader della Chiesa caldea, ed è un fattore che provoca grave danno “all’unità nazionale e all’equilibrio della comunità, al suo pluralismo religioso e al principio della convivenza”. 
Nel suo intervento, il patriarca caldeo ha proseguito attaccando una legge che “contraddice il Corano” stesso, che dichiara in numerosi versetti che “non vi può essere alcuna costrizione in tema di religione”. Anzi, essa è “un affronto alle numerose disposizioni previste dalla Costituzione irakena”, fra cui l’articolo 3 il quale stabilisce che “L’Iraq è un Paese multi-etnico” con diverse religioni e culti. E ancora, l’art. 37/II secondo cui “lo Stato garantisce la protezione del singolo dalla coercizione di pensiero politico e religioso”. E l’art. 42 per cui “ognuno ha libertà di pensiero, di coscienza e di religione”, il quale si interseca con la Carta dei diritti dell’uomo all’articolo 18: “Ognuno ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione - ricorda mar Sako - e tale diritto include la libertà di cambiare la propria religione oppure il credo e la libertà d’espressione nell'insegnamento, nella pratica, nel culto e nella sua osservanza, sia nella sfera privata che comunitaria”.  
A seguire, mar Sako ha voluto ringraziare “i nostri fratelli musulmani” e i “signori deputati” che “hanno votato contro l’approvazione dell’articolo 26” e i rappresentanti delle minoranze “che sono usciti dall’aula parlamentare” al momento del voto. Inoltre, egli ricorda gli attestati di sostegno e solidarietà ricevuti dall’Alto commissario per i diritti umani in Iraq, che non ha mancato di far sentire la propria voce “contro questa legge ingiusta”. 
“Oggi - ha aggiunto il patriarca caldeo - ribadiamo la nostra posizione di rifiuto verso una carta di identità che divide, invece di unire gli irakeni” e “chiediamo di lasciare i figli minori alla loro religione, lasciandoli liberi di scegliere secondo le loro convinzioni al raggiungimento della maggiore età”. Poiché, avverte, “la religione è un rapporto personale fra Dio e l’essere umano”. “Vogliamo rilevare al tempo stesso - prosegue - che se il Parlamento applicherà questa legge, faremo sentire la nostra voce a livello internazionale, fra cui la denuncia del Parlamento irakeno stesso presso il Consiglio Onu per i diritti umani”. 
“È deprecabile - conclude mar Sako - che il Parlamento irakeno si occupi della questione legata alla religione dei minori, lasciando da parte altre questioni di primaria importanza: la liberazione delle zone occupate dallo Stato islamico (in lotta vi sono anche fazioni cristiane), la lotta alla corruzione, servizi e assistenza ai tre milioni di rifugiati con l’inverno alle porte, la lotta alla disoccupazione e il diritto allo studio dei giovani”. 
I vertici della Chiesa caldea continuano a sognare “una patria per tutti, che diventi una tenda capace di accogliere cristiani, yazidi, sabei, credenti e non credenti, tutti gli irakeni… Una patria stabile e prospera, che sappia garantire la dignità dei propri cittadini. Viva l’Iraq”. 
P. Sakvan Matti è un sacerdote dell’Arcieparchia di Baghdad dei Caldei

Leggi tutto!

martedì, novembre 10, 2015


Why some Christians in northern Iraq are choosing to stand and fight

Kristen Chick

Baqufa - Iraq - On the outside, the house is fortified with sandbags and machine guns.
On the inside hang pictures of Jesus and Mary.The house, in the last village before the territory of the Islamic State (IS) begins here in northern Iraq, is a base for Dwekh Nawsha, one of the Assyrian Christian militias participating in the battle against IS.Last year, the jihadists’ lightning advance across northern Iraq captured part of the Nineveh Plain, historic homeland of Iraq’s Assyrian minority, forcing thousands of Christians to flee. Now some of them are on the front lines, fighting for their homeland.
Samir Nwa Oraha the local militia commander and a former special forces soldier in the Iraqi Army, says it wasn’t a difficult decision to pick up a weapon once again to protect the land of his people.
“My heart is here. I want to be fighting,”he says. “Outsiders are protecting us and we can’t sit and watch. We have to share the responsibility with them.”
The outsiders he refers to are the peshmerga, the armed forces of the semi-autonomous Kurdistan region of Iraq, who are leading the fight against IS in the region. But they retreated from many Christian villages without a fight last summer, declining to protect them from the IS advance.
Christians have taken up arms because they want to protect their own land, and many no longer trust the Kurds to do it for them. Even as thousands of Christians are fleeing Iraq, 
convinced they can no longer find safety, or a future, in their homeland, these men are hoping to preserve a future for them, even if they’re not sure they’ll succeed.
“After 15 years, you’ll come back here and you won’t find any Christians,” says Marcus, a young Dwekh Nawsha fighter who gave only his first name.Then why is he fighting when others are fleeing?
“Because our children, one day they will ask us: ‘Why did you give up? Why didn’t you fight?’ ” he says. “So we will tell them: ‘We fought.’ ”

Fighters bought own guns
Assyrian Christians have formed at least four armed groups to fight IS, with three operating in this area north of Mosul. Dwekh Nawsha is the smallest. Mr. Oraha says there are about 50 fighters in the unit, with 25 on duty at a time. They protect the village of Baqufa, which was retaken from IS last year, but their fighters also join the  peshmerga at the front line, a little more than half a mile away.
In the living room of their base, a mounted machine gun lies on the floor, its rounds piled on the sofa. In the room where the fighters sleep, a small crucifix and a large picture of Jesus carrying a shepherd’s staff hang above a bed. On the nightstand is a semi-automatic rifle.The fighters, who carry Kalashnikov rifles, say they bought their weapons themselves. They are meant to receive a salary of $500 a month from the political party that started the unit, the Assyrian Patriotic Party, but Marcus says he hasn’t received his in four months. He wears camouflage trousers and a black sweatshirt with “I’m here to … fight!” printed on the back.The Nineveh Plain Forces (NPF) is based in nearby Tal Asqaf. It was founded by two Assyrian political parties, but is close to the ruling party in Iraqi Kurdistan, the Kurdistan Democratic Party.
The commander,
Safaa Khamro, says the unit has about 350 fighters who were trained by the peshmerga, and they cooperate closely with the Kurdish force.

Looking to Baghdad for support
A few miles north, away from the front line, a third militia is based in the town of Sharafya. The Nineveh Plain Protecion Units (NPU) has 750 trained fighters according to local commander Fouad Masaoud Gorgess, though only 20 are on duty at a time.

The NPU has resisted coming under peshmerga control, so the Kurdish force doesn’t allow the group to participate in the fighting, though the Kurdish government did give the group approval to build a base nearby and Mr. Gorgees says the NPU’s relationship with the peshmerga has recently improved.
The NPU wants to gain recognition – as well as arms and funding – from the central government in Baghdad under a proposed law to create a national guard to fight the IS insurgency. Until then, the fighters have little to do. But they say they will protect Christian villages in case of another peshmerga withdrawal.  “We will stay here, and Christians will protect Christians. Not Arabs or Kurds protecting us, but Christians,” says Gorgees.
The NPU members do not earn a salary. Jone Isho“ a wiry middle-aged fighter with blue eyes, says his wife emigrated to Australia, but he chose to stay and fight instead.“All the people are fleeing to other lands, so we stay here to show them that they shouldn’t leave,” he says. “But they won’t come back if there is not international protection or someone they can trust.”

An uncertain future
Mr. Khamro
, the NPF commander, says most of the displaced people will return if IS is driven out, services restored, and villages rebuilt. 
Yet many of the displaced say they will never feel safe in Iraq again, and even the militias experience the drain of people leaving. Some of Khamro’s fresh-faced fighters are not sure if their efforts will encourage people to return. Zayd George Zaya, a young NPF fighter with a stylish haircut and digital-patterned camouflage fatigues, is from Tel Kayf, an IS-occupied town just 8 miles down the road.“I can’t tell you there’s a future for Christians here. Because I don’t know exactly,” he says. “But I need my land. I need to go back there.”

Leggi tutto!

This page is powered by Blogger. Isn't yours?